Thor Hushovd, il norvegese più veloce al mondo

Parlare di ciclisti che arrivano dal profondo e freddo Nord non è cosa semplice, trattandosi di pochi e rari esemplari di sportivi che si trovano collocati sulla cartina dell’Europa a latitudini come la Norvegia. Oggi appunto parliamo di Thor Hushovd, velocista norvegese del primo decennio del Duemila e dei primi anni dell’attuale decennio.

Perché viene ricordato? Per essere stato uno dei migliori specialisti del suo tempo nelle volate, campione del mondo, due volte vincitore della maglia verde del Tour e con diverse tappe nei grandi giri al suo attivo.

Cosa fa adesso Hushvod? Si è ritirato nel 2014 tra le fila della BMC. Attualmente si divide tra Monte Carlo e la sua natia Norvegia. Attualmente lavora con la Federazione ciclistica del suo paese come parte del team tecnico della squadra junior.

Lo sapevi che? E’ stato il primo norvegese a riuscire ad indossare il simbolo del primato della corsa a tappa più famosa al mondo, la maglia gialla del Tour de France. E’ stato il leader della classifica generale dalla seconda tappa e fino alla frazione numero 9 dell’edizione 2011.

– Ha vinto 10 tappe del Tour durante la sua carriera (23° nella lista dei ciclisti con più vittorie di tappa).

– Nel 2010 ha vinto il Campionato del Mondo in linea, svoltosi nell’emisfero meridionale, in Australia, a Melbourne, davanti al danese Matti Breschel e l’australiano Allan Davis.

– Ha disputato complessivamente 11 Tour de France e la sua miglior classifica finale è stato il 66° posto, colto nel 2011, in occasione della sua ultima partecipazione alla Grand Boucle.

– Ha corso tre Vuelta di Spagna, terminando la corsa soltanto una volta, quando riuscì a vincere la maglia della classifica a punti.

– Ha disputato soltanto due volte il Giro d’Italia, nel 2007 e  nel 2012, ritirandosi in entrambe le occasioni dopo poche tappe. Al suo attivo però una vittoria di tappa, quando si impose nella settima frazione Spoleto-Scarperia a distanza di qualche mese. Vincitore nell’occasione fu Alessandro Petacchi che, nel maggio 2008, venne infatti squalificato per uso di salbutamolo, una sostanza proibita.

– Si è ritirato nel 2014 dopo una stagione sfortunata: ha contratto la mononucleosi, ma ad essergli fatale fu una caduta, rimediata alla Omloop Het Nieuwsblad, una classica del Belgio. Poche settimane dopo ricevette una telefonata dai dirigenti della BMC che gli comunicarono che non gli avrebbero rinnovato il contratto al termine della stagione. Decise allora di appendere la bicicletta al chiodo.

– È un appassionato di sci.

– Con la loro forza e potenza lo chiamavano “il toro di Grimstad”.

– È sposato e ha due figli.

– E’ alto 1,83 metri.

Biografia, palmares, statistiche: Thor Hushovd è nato il 18 gennaio 1978 a Grimstad, in Norvegia. Ha debuttato come professionista nel 2000 con la formazione francese della Crédit Agricole. Nel 2009 e nel 2010 ha corso nel Cérvélo. Nel 2011 ha vestito della squadra che ne prese il posto, ovvero la Garmin. Infine, le sue ultime stagioni sono state spese presso la BMC, team elvetico. Nel suo palmares vanta tre campionati norvegesi in linea e tre nella cronometro, un campionato del mondo, due vittorie nella classifica dei punti del Tour e uno nella Vuelta. E’ stato inoltre campione del mondo a cronometro nella categoria Under 23 a Valkenburg nel 1998.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.