Quando Thomas Oar vestì la maglia numero 121

I numeri sulle maglie furono introdotti soltanto nel 1928, molti anni dopo la nascita del gioco del calcio che risaliva addirittura al secolo precedente, con regole in alcuni casi assai diverse da quelle contemporanee. E la soluzione risolse molti problemi per gli arbitri nel momento in cui dovevano sanzionare i calciatori “cattivi”.

E poi arrivò Thomas Oar, allora 18-enne attaccante dell’Australia, che nel match contro l’Indonesia disputato il 3 marzo 2010 e valido per la qualificazione all’Asian Cup 2011, scese in campo con la maglia dei socceroos targata 121. Fu la prima ed unica volta che un calciatore utilizzò una numerazione a tre cifre, tanto che la FIFA non permette tale scelta nelle maggiori competizioni internazionali.

Il marketing sportivo, con l’indicazione del cognome sempre sul retro della divisa, che dato avvio alla diffusione delle vendite di casacche personalizzate, ha sicuramente aumentato la visibilità dei giocatori che, con la possibilità di scegliere dall’1 al 99, hanno potuto sbizzarrirsi con la ricerca del numero che meglio li possa identificare, al di là del ruolo in campo.

Oar non partecipò ai Mondiali 2010 in Sudafrica mentre fu convocato per l’ultima edizione di Brasile 2014, quando dovette accontentarsi di un più comune numero 11. Attualmente il 24-enne gioca in Championship con l’Ipswich Town.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.