A quale etnia appartiene Klay Thompson ?

Klay Thompson non è solo l'”altro” dei Splash Brother: la stella dei Golden State Warriors non può essere infatti essere ritenuto il semplice comprimario di Stephen Curry nella squadra dei  sogni californiana che si è appena ripresa l‘anello NBA, dopo la delusione della finale 2016.

Thompson, che ha al suo attivo numerose partite con 10 o più triple realizzate in una sola gara, garantisce concretezza e, come in ogni “coppia” anche sportiva che si rispetti, se al suo compare la serata sta girando storta, può sempre pensarci lui con la parabola mortifera.

Ma torniamo ad analizzare la questione con cui abbiamo titolato questo post.

Da quale etnia discende Klay Thompson?

La risposta potrebbe interessare per capire e comprenderne le qualità atletiche oppure per utilizzare negli articoli o nei post sui social il termine corretto per indicarlo, come quando si dice italiano o tedesco per identificare la nazionalità di un atleta. Allora per poter rispondere correttamente diventa  necessario ripercorrere l’albero genealogico della sua famiglia.

Mychal, padre di Klay, fu anch’esso un giocatore NBA. E fin qui continua ad essere”gemello” di Stephen Curry, anch’esso figlio d’arte.

Mychal Thompson fu addirittura la scelta numero uno del Draft 1978, primo straniero a conquistare tale posizione. Straniero perché? Semplicemente perché il padre nacque a Nassau, Bahamas!!! E, nonostante il “pesante” numero uno sulle spalle, non sempre indice di una luminosa carriera, Mychal giocò per ben 14 stagioni tra i professionisti americani, iniziando la carriera con Portland Trailblazers (8 stagioni), San Antonio Spurs (una sola annata) ed infine andando a vincere con i Los Angeles Lakers due titoli in sequenza (1986-87, 1987-88).

Il padre Mychal Thompson

Ora, secondo i criteri che vengono utilizzati in America, “Black Americans” significa sempre “African-Americans” al secolo afroamericano, ma non sempre è vero, perchè negli States vi sono persone “Black” che vengono dai Caraibi e non dal continente africano come appunto Mychal Thompson.

E non è raro che i caraibici-americani preferiscano non essere identificati nella categoria “Black American” per diverse ragioni.

E cosa sappiamo della madre di Klay Thompson?

Prima di contrarre matrimonio con Mychal, era nota come signorina Julie Leslie e vantava un buon pedigree sportivo, essendo stata giocatrice di pallavolo ai tempi in cui frequentava l’Università di San Francisco. Al liceo inoltre, quando abitava nello stato di Washington State, si destreggiava assai bene anche in atletica leggera.

E senza indagare sulla paternità ed altre amenità che non ci riguardano, è possibile ripercorrere le informazioni sull’etnia della madre studiandone il cognome. Leslie è di origine scozzese, e tale cognome risale addirittura al 1067!!!

Essendo la Scozia molto tradizionalista, è facile infatti trovare negli annali ogni informazione circa la stirpe. Ebbene il primo Leslie venne rintracciato nell’Aberdeenshire (dal gaelico: Siorrachd Obar Dheathain), una regione storica del paese, che oggi non è altro che  la contea di Aberdeen, sita nella regione Grampiana, così denominata dal 1975 fino al 1996. Ad aggiungere nobiltà al cognome, in tale parte del paese sono molte le famiglie che si chiamano tuttora Leslie e le  leggende dicono che le origini possono essere fatte  risalire a Bartholomew Leslyn, figlio di Walter di Leslyn, un cavaliere fiammingo che accompagnò la Regina Margherita quando arrivò per sposare Re Malcolm di Scozia nel 1067.

Marito e moglie Thompson

Leslie dunque ha una storia che risale addirittura agli albori della Vecchia Europa. Ma il dubbio non lo abbiamo ancora risolto.

A quale gruppo etnico appartiene Klay Thompson?

Considerando che il padre ha origini afro-caraibiche e la madre è invece chiaramente “identificabile” come europea, Klay, ed i suoi due fratelli Trayce (giocatore di baseball con i Los Angeles Dodgers) e Mychel (visto con la maglia di Varese nel 2016), sono di etnia mista. Sebbene dunque tanti possano utilizzare semplicemente la perifrasi “Misto Bianco e Nero”, non è l’identificazione razziale che ne fa una buona o cattiva persona. Anzi, è solo un modo per complicare la questione, dato che gli States, da oltre un secolo, sono uno dei paesi con il più alto tasso di etnie miste e nazionalità, e soprattutto la multiculturalità è un segno dei tempi, con cui ci confrontiamo sempre più, nel rispetto reciproco.

I tre fratelli Thompson

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.