Grandi salite del ciclismo: Colle delle Finestre

Grandi salite del ciclismo: Colle delle Finestre

Colle delle Finestre. Dove si trova. Dati caratteristici, lunghezza, pendenza media. Storia. Albo d’Oro del Giro d’Italia.

Il Colle delle Finestre è una delle salite entrate solo da poco nella storia del ciclismo mondiale grazie alle tappe del Giro d’Italia che l’hanno reso protagonista di ascese straordinarie da parte dei campioni del pedale. La vetta, posta a 2178 metri sul livello del mare, ha reso la salita Cima Coppi nelle edizioni della Corsa Rosa in cui è stata introdotta.

Colle delle Finestre: dove si trova

Il Colle si trova in Piemonte, poco lontano dal Sestriere e dal confine con la Francia; il valico unisce le Valli di Susa e del Chisone ed è un passo alpino delle Alpi Cozie. Dalla sommità del colle si può vedere a nord il Rocciamelone, uno dei monti più alti delle Alpi Graie situato dalla parte opposta della Valle di Susa e a sud il monte Albergian nella Val Chisone.

La strada è aperta al pubblico nel periodo maggio-settembre.

Colle delle Finestre: salita

Il lato affrontato nel ciclismo è quello nord: lunga 18,2 chilometri, può essere divisa sotto un certo punto di vista divisa a metà. I primi 10 km in asfalto mentre gli ultimo 8 sono completamente in sterrato, trattandosi di una vecchia strada militare.

Il grande pubblico ha potuto fare la sua conoscenza nel Giro d’Italia 2005, quando, come nelle corse d’un tempo, i corridori salirono in maniera pressochè sgranata sollevando nuvole di polvere, reminiscenza del ciclismo dei tempi d’oro.

Il primo tratto arriva fino al Colletto di Meana con una pendenza massima pari al 14%, facendo si che i corridori debbano affrontare in appena 4 km ben 29 dei 33 tornanti in totale. La tortuosità dell’ascesa la rende dunque perfetta per scatti e controscatti improvvisi durante la corsa.

Il tratto di sterrato rende la salita un’incognita in base alle condizioni meteo: caldo ed afa fanno sollevare parecchia polvere durante il passaggio dei corridori e della carovana, avvolgendo gli appassionati in una caratteristica nuvola che può essere sfruttata dai ciclisti più abili per scattare.

In caso di maltempo, la pioggia rende la strada fangosa, costituendo un ulteriore problema oltre alla pendenza davvero ardua.

La pendenza media è del 9,2% mentre il dislivello di 1.692 metri.

Colle delle Finestre: storia

Come detto, la seconda parte della salita del Colle delle Finestre è una strada militare, la Meana-Colle Finestre-Dépot, che venne realizzata dai Comandi Militari del Regno d’Italia nel 1890 affinchè gli eserciti si potessero spostare in modo rapido tra le Valli Chisone e Susa.

In quanto strada militare, doveva corrispondere a determinati parametri che ne condizionarono fortemente la costruzione: la sua larghezza doveva essere pari a 3 metri, con una pendenza massima del 10% ed un raggio di curvatura di 8 metri che permettesse il passaggio agevole dei carri e degli armamenti.

Da qui la costruzione dei numerosi tornanti, ben 24 in un breve tratto di appena 4 km, per superare l’ostacolo.

Colle delle Finestre: albo d’oro

Anno Nome               Nazionalità
2005 Danilo Di Luca Italia
2011 Vasil’ Kiryenka Bielorussia
2015 Mikel Landa     Spagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.