Francia – Kuwait Spagna 82: l’invasione di campo dello sceicco

Primo Mondiale a 24 squadre quello di Spagna 82 e nuove realtà emergenti si affacciarono per la prima volta alla massima competizione per nazionali. Ed il match Francia – Kuwait, valido per il gruppo 4 e che si stava disputando il 21 giugno allo  José Zorrilla di Valladolid, venne interrotto dalla discesa sul terreno di gioco dello sceicco Fahad Al-Ahmed Al-Jaber Al-Sabah, presidente della Federcalcio.

Quale il motivo? Semplicemente aver subito il quarto goal (da parte di Giresse) dai galletti francesi, viziato da un fischio arrivato dagli spalti e che aveva, a dire suo e dei componenti della squadra, viziato la regolarità dell’azione. Mentre i giocatori arabi stavano per riprendere il gioco, lo sceicco, immune a qualunque regolamento del gioco, entrò sul terreno di gioco ordinando alla squadra di uscire dal campo.

L’arbitro, il russo Stupar, non seppe fare altro che decretare l’annullamento della rete per un fantomatico fuorigioco mentre i francesi, infuriati, non riuscirono in alcun modo a far valere le loro ragioni. Io gioco riprese e soltanto pochi minuti dopo i francesi andarono in rete nuovamente, stavolta con Bossis, per il 4-1 finale.

Pochi giorni dopo, la giacchetta nera venne radiata dalla FIFA mentre gli arabi se ne tornarono a casa con un punto in tre partite, frutto del pareggio nell’incontro inaugurale con la Cecoslovacchia.

Lo sceicco verrà multato per l’importo, per lui misero, di 10 mila dollari ma conoscerà un destino tragico qualche anno dopo. In occasione dell’invasione del suo stato da parte delle truppe irachene nell’agosto 1990, troverà la morte mentre con un manipolo di soldati difendeva una caserma.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.