Africa Unity: la maglia che doveva unire il Continente Nero

In tempi di maglie diverse per ogni stagione (sportive), l’idea della Puma di realizzare una maglietta unica per tutte le compagini dell’Africa sembrò la soluzione dei problemi (per  i tifosi). L’azienda tedesca, nella primavera del 2010, dunque nell’anno del Mondiale in Sudafrica, il primo della storia nel Continente Nero, volle creare una maglia che potesse essere utilizzata dalle squadre africane nei matches internazionali. Il Kit, chiamato Africa Unity, permetteva alle 14 squadre marchiate Puma di giocare sotto un’unica bandiera. Più precisamente, la divisa era valida soltanto come terza maglia, ma per Camerún, Ghana, Costa d’Avorio, Algeria, Angola, Egitto, Mozambico, Togo, Tunisia, Senegal, Marocco, Burkina Faso, Madagascar e Namibia, esisteva la possibilità di concepire una maggior unità, almeno sotto il punto di vista calcistico.

I colori erano particolari e carichi di significato. La maglia era celeste, tinta che degradava scendendo verso il pantaloncino, nel marrone, colore identico per i calzettoni. Chiara l’allusione: l’azzurro era il cielo dell’Africa, che contrastava con il marrone, simbolo dell’aridità del suolo africano.

Secondo la dirigenza della marca di abbigliamento sportivo, tale tinta era l’unione dei colori del suolo di Camerun, Costa d’Avorio, Ghana e Sudafrica, che prendevano parte al mondiale, di li a pochi mesi. Il dorso ed il logo Puma invece erano dorati, a ricordare l’intensità del sole.

Nella parte della maglia invece, era stato inserito il logo che rappresentava una mappa dell’Africa con due mani unite, lasciando la parte sinistra per inserire i loghi personali delle federazioni nazionali. Il pantaloncino presentava una rarità per l’abbigliamento tecnico: era doppio, quasi una seconda maglia. La vendita aveva prettamente scopo benefico: con gli introiti erano diversi i progetti in favore del continente., in particolar modo in difesa della fauna.

Puma però, fece male i conti: il progetto ambizioso venne  prontamente messo in archivio in quanto si alzarono, e non in maniera velata, le critiche feroci relative al disegno della maglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.