La prima partita della nazionale USA: Stoccolma 1916

Il 20 Agosto 1916 gli USA giocarono la prima partita internazionale di calcio, per di più in trasferta, sconfiggendo a Stoccolma la Svezia con il punteggio di 3-2. Tuttavia gli storici ricordano che il Team a stelle strisce ha disputato alcune partite non ufficiali contro il Canada nel 1885 e nel 1886, oltre ad aver  inviato ai Giochi Olimpici del 1904 ben due rappresentative composte da studenti universitari.

La Federazione calcistica era soltanto un anno prima, nel 1913 ed il gioco del pallone cominciava a riscuotere un discreto successo, con la nascita della National Challenge Cup, oggi nota semplicemente come U.S. Open Cup.

La nazionale venne invitata dalla federazione nordica, con la garanzia di coprire tutte le spese sostenute per affrontare la trasferta. L’idea iniziale dei dirigenti federali era di “spedire Oltreoceano i vincitori della National Challenge Cup assieme al club allora ai vertici del Bethlehem Steel FC.

Tuttavia nel 1916 si era già in pieno conflitto mondiale, ed il fatto che Norvegia e Svezia fossero stati neutrali, per gli Stati Uniti raggiungere l’Europa fu davvero una scelta pericolosa. Infatti poco prima della data prescelta per la partenza, il Lusitania fu affondata presso le coste irlandesi da un U-Boat tedesco, provocando la morte di circa 1.200 passeggeri.

stoccolma usa svezia 1916Così la Bethlehem Steel Company, l’azienda a cui appartenva la compagine, preferì declinare l’invito, evitando di far partire l’intera compagine, permettendo solo a qualche giocatore, fra i quali l’attaccante Neil Clarke, di unirsi alla selezione nazionale. Il primo storico match degli USA si tenne dunque presso lo Stockholms Stadion alla presenza di 21.000 spettatori, che videro dopo appena 7 minuti di gioco la Svezia passare in vantaggio grazie a Konrad Törnqvist.

Al 22° del primo tempo gli americani giunsero al pareggio: vi sono controversie in merito a chi marcò la segnatura. Seppure nel corso degli anni vi sia stata una disputa fra Thomas Swords, originario del Massachusetts, e Charles Harry “Dick” Spalding, la federazione calcistica di Svezia indica in Spalding (inserito nella National Halll of Fame) il marcatore della prima rete della storia della nazionale USA. Tutto facile invece per indicare in Charles Ellis il giocatore che portò in vantaggio la squadra prima del 3-1 siglato da Harry Cooper. Gli svedesi riuscirono solo a limitare il punteggio nella sconfitta con Konrad Törnqvist che siglò così una doppietta.

Due settimane più tardi  Charles Ellis realizzò la rete Made in USA contro la Norvegia, nel pareggio per 1-1 in un matche vide gli americani concludere in nove causa gli infortuni occorsi ad un paio di elementi (le sostituzioni non esistevano).

Il 6 settembe infine, la nazionale tornò in Svezia per il terzo ed ultimo match contro una compagine mista composta da giocatori delle due principali squadre di Stoccolma AIK e Djurgardens. Il punteggio finale, vittoria per 2-1, vide la conclusione della tourneè scandinava. Gli Stati Uniti torneranno a giocare partite internazionali solo in occasione delle Olimpiadi del 1924 a Parigi. Non viaggeranno più in Svezia per disputare incontri fino al 1995.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.