Albo d’Oro Giro di Romandia

Il Giro di Romandia, la cui prima edizione si disputò nel secondo dopoguerra, anno 1947, è ormai da qualche anno punto di riferimento per chi vuole vincere il Tour de France. L’albo d’oro della corsa romanda parla spesso italiano: sono ben 13 le vittorie azzurre, sebbene l’ultimo successo risalga nel lontano (ormai) 2000 quando Dario Frigo seppe bissare il trionfo dell’annno precedente.

Nella classifica All-time segue la Svizzera con 12 successi mentre la Francia si ferma a 10.

L’Albo d’Oro del Giro di Romandia
annoprimosecondoterzo
1947(BEL) Désiré Keteleer(ITA) Gino Bartali(SVI) Ferdi Kübler
1948(SVI) Ferdi Kübler(LUX) Jean Goldschmit(LUX) Mathias Clemens
1949(ITA) Gino Bartali(SVI) Ferdi Kübler(ITA) Settimio Simonini
1950(FRA) Edouard Fachleitner(SVI) Hugo Koblet(FRA) Kléber Piot
1951(SVI) Ferdi Kübler(SVI) Hugo Koblet(SVI) Fritz Schär
1952(NED) Wout Wagtmans(SVI) Hugo Koblet(BEL) Raymond Impanis
1953(SVI) Hugo Koblet(ITA) Pasquale Fornara(FRA) Louison Bobet
1954(FRA) Jean Forestier(ITA) Pasquale Fornara(SVI) Carlo Clerici
1955(SVI) René Strehler(SVI) Hugo Koblet(SVI) Max Schellenberg
1956(ITA) Pasquale Fornara(SVI) Carlo Clerici(SVI) René Strehler
1957(FRA) Jean Forestier(ITA) Guido Carlesi(SVI) Hugo Koblet
1958(FRA) Gilbert Bauvin(BEL) Pino Cerami(ITA) Giovanni Pettinati
1959(SVI) Kurt Gimmi(SVI) Rolf Graf(SVI) Alfred Rüegg
1960(FRA) Louis Rostollan(FRA) Édouard Delberghe(BEL) Joseph Hoevenaers
1961(FRA) Louis Rostollan(ITA) Giuseppe Fezzardi(ITA) Imerio Massignan
1962(ITA) Guido De Rosso(ITA) Franco Cribiori(FRA) Joseph Novales
1963(BEL) Willy Bocklant(ESP) Federico Bahamontes(ITA) Guido De Rosso
1964(SVI) Rolf Maurer(NED) Hubertus Zilverberg(ITA) Gastone Nencini
1965(ITA) Vittorio Adorni(SVI) Rolf Maurer(SVI) Robert Hagmann
1966(ITA) Gianni Motta(FRA) Raymond Delisle(SVI) Rolf Maurer
1967(ITA) Vittorio Adorni(SVI) Louis Pfenninger(BEL) Armand Desmet
1968(BEL) Eddy Merckx(FRA) Raymond Delisle(SVI) Robert Hagmann
1969(ITA) Felice Gimondi(ITA) Vittorio Adorni(BEL) Antoine Houbrechts
1970(SWE) Gösta Pettersson(ITA) Davide Boifava(NED) Joop Zoetemelk
1971(ITA) Gianni Motta(ITA) Antonio Salutini(BEL) Willy Van Neste
1972(FRA) Bernard Thévenet(BEL) Lucien Van Impe(FRA) Raymond Delisle
1973(BEL) Wilfried David(BEL) Lucien Van Impe(BEL) Michel Pollentier
1974(NED) Joop Zoetemelk(ITA) Wladimiro Panizza(NED) Fedor den Hertog
1975(ESP) Francisco Galdós(SVI) Josef Fuchs(NOR) Knut Knudsen
1976(BEL) Johan De Muynck(BEL) Roger De Vlaeminck(BEL) Eddy Merckx
1977(ITA) Gianbattista Baronchelli(NED) Joop Zoetemelk(NOR) Knut Knudsen
1978(NED) Johan van der Velde(NED) Hennie Kuiper(BEL) Johan De Muynck
1979(ITA) Giuseppe Saronni(ITA) Gianbattista Baronchelli(NED) Henk Lubberding
1980(FRA) Bernard Hinault(ITA) Silvano Contini(ITA) Giuseppe Saronni
1981(SWE) Tommy Prim(ITA) Giuseppe Saronni(NED) Peter Winnen
1982(NOR) Jostein Wilmann(SWE) Tommy Prim(ITA) Silvano Contini
1983(IRL) Stephen Roche(AUS) Phil Anderson(SWE) Tommy Prim
1984(IRL) Stephen Roche(SVI) Jean-Marie Grezet(SVI) Niki Rüttimann
1985(SVI) Jörg Müller(POR) Acácio da Silva(SWE) Tommy Prim
1986(BEL) Claude Criquielion(FRA) Jean-François Bernard(FRA) Bruno Cornillet
1987(IRL) Stephen Roche(FRA) Jean-Claude Leclercq(FRA) Ronan Pensec
1988(NED) Gerard Veldscholten(SVI) Tony Rominger(SVI) Urs Zimmermann
1989(AUS) Phil Anderson(FRA) Gilles Delion(GBR) Robert Millar
1990(FRA) Charly Mottet(GBR) Robert Millar(BEL) Luc Roosen
1991(SVI) Tony Rominger(GBR) Robert Millar(USA) Mike Carter
1992(USA) Andrew Hampsten(ESP) Miguel Indurain(FRA) Charly Mottet
1993(SVI) Pascal Richard(ITA) Claudio Chiappucci(USA) Andrew Hampsten
1994(SVI) Pascal Richard(FRA) Armand de Las Cuevas(USA) Andrew Hampsten
1995(SVI) Tony Rominger(LET) Pëtr Ugrumov(ITA) Francesco Casagrande
1996(ESP) Abraham Olano(UCR) Oleksandr Honcenkov(ITA) Giuseppe Guerini
1997(RUS) Pavel Tonkov(GBR) Chris Boardman(SVI) Beat Zberg
1998(SVI) Laurent Dufaux(SVI) Alex Zülle(ITA) Francesco Casagrande
1999(FRA) Laurent Jalabert(SVI) Beat Zberg(ITA) Wladimir Belli
2000(ITA) Paolo Savoldelli(ESP) Joseba Beloki(SVI) Laurent Dufaux
2001(ITA) Dario Frigo(ESP) Félix García Casas(ITA) Wladimir Belli
2002(ITA) Dario Frigo(SVI) Alex Zülle(AUS) Cadel Evans
2003(USA) Tyler Hamilton(SVI) Laurent Dufaux(ESP) Francisco Pérez
2004(USA) Tyler Hamilton(SVI) Fabian Jeker(ITA) Leonardo Piepoli
2005(COL) Santiago Botero(ITA) Damiano Cunego(RUS) Denis Men’šov
2006(AUS) Cadel Evans(ESP) Alberto Contador(ESP) Alejandro Valverde
2007(NED) Thomas Dekker(ITA) Paolo Savoldelli(KZK) Andrej Kašeckin
2008(GER) Andreas Klöden(CEZ) Roman Kreuziger(ITA) Marco Pinotti
2009(CEZ) Roman Kreuziger(RUS) Vladimir Karpec(EST) Rein Taaramäe
2010(SLO) Simon Špilak*(RUS) Denis Men’šov(AUS) Michael Rogers
2011(AUS) Cadel Evans(GER) Tony Martin(KZK) Aleksandr Vinokurov
2012(GBR) Bradley Wiggins(USA) Andrew Talansky(POR) Rui Costa
2013(GBR) Chris Froome(SLO) Simon Špilak(POR) Rui Costa
2014(GBR) Chris Froome(SLO) Simon Špilak(POR) Rui Costa
2015(RUS) Ilnur Zakarin(SLO) Simon Špilak(GBR) Chris Froome
2016(COL) Nairo Quintana(FRA) Thibaut Pinot(ESP) Jon Izagirre
2017(AUS)  Richie Porte(GBR) Simon Yates(SLO)  Primož Roglič

In Rosso i ciclisti che vinsero nello stesso anche il Tour de France*L’edizione 2010 venne vinta dallo spagnolo Valverde, poi squalificato dal TAS di Losanna per due anni dal 1º gennaio 2010, quindi i risultati ottenuti da quella data vennero successivamente cancellati.

Amstel Gold Race: il record di Raas beffando Roche e Kelly

Classica della celebre marca di birra olandese, l’Amstel Gold Race appunto, curiosamente non è mai stata vinta da un corridore irlandese, sebbene la nazione del quadrifoglio possa vantare campioni del calibro di Sean Kelly e Stephen Roche, specialisti nelle corse di un giorno.

E fu proprio un “arancione” a beffare il duo Irish, Jan Raas, nella classica del 1982, approfittando della loro aspra rivalità.

La corsa quell’anno partiva da Heerlen a Meersen per complessivi 237 chilometri e la prima grande selezione si ebbe non appena Gerrie Knetemann della TI-Raleigh cominciò a menare le danze sulla salita di Lange Raarberg.

Knetemann lavorava in funzione del suo leader, Raas appunto, che aveva già trionfato in sequenza nel  1977, 1978, 1979 ed 1980. Assieme ai compagni di squadra Leo van Vliet e Frits Pirard, il terzetto fu capace di fare un’aspra selezione riducendo il gruppo a soli 16 corridori, di cui ben 5 erano marchiati TI-Raleigh!!!

Un’ulteriore selezione venne fatta sul Keutenberg quando  il gruppo al comando si ridusse a soli sei elementi. Raas era presente, ma era rimasto da solo.

Compagni d’avventura erano Sean Kelly (Sem-France Loire-Campagnolo) e Stephen Roche (Peugeot-Shell-Michelin), quest’ultimo con uno scudiero, Phil Anderson, oltre a Hennie Kuiper (DAF Trucks-Teve Blad-Rossin) ed il tedesco Gregor Braun (Capri Sonne-Eddy Merckx-Campagnolo).

Il favorito per la vittoria era senza dubbio Kelly, per un arrivo allo sprint. In quell’annata l’irlandese si era già aggiudicato quattro tappe e la classifica finale della Parigi-Nizza.

Ma Roche e Anderson potevano giocarsi le loro chances con un gioco di squadra mentre il tedesco Braun godeva di un’ottima condizione avendo raggiunto la terza moneta alla Paris-Roubaix ed essendosi aggiudicato la Kuurne-Brussels-Kuurne.

Raas volle rompere gli indugi e ad un km dal traguardo partì da solo mentre gli altri rimasero in attesa. Roche non ci stava a perdere e si lanciò all’inseguimento. Il ritardo però si rivelò incolmabile e per il l’Olandese Volante fu il suo quinto successo, record tuttora imbattuto.

Classifica finale
1 Jan Raas (TI-Raleigh-Campagnolo) 6hr 10min 45sec
2 Stephen Roche (Peugeot-Shell-Michelin) @ 2″
3 Gregor Braun (Capri Sonne-Eddy Merckx-Campagnolo) 7″
4 Sean Kelly (Sem-France Loire-Campagnolo)
5 Phil Anderson (Peugeot-Shell-Michelin)
6 Hennie Kuiper (DAF Trucks-Teve Blad-Rossin)
7 Ludo Peeters (TI-Raleigh-Campagnolo) 1’14”
8 Adrie Van Der Poel (DAF Trucks-Teve Blad-Rossin)
9 Jostein Wilmann (Capri Sonne-Eddy Merckx-Campagnolo)
10 Ad Wijnands (TI-Raleigh-Campagnolo) 2’18”

Giro del Delfinato 2017: percorso, tappe, altimetrie ed iscritti

Criterium del Delfinato 2017: la corsa francese sarà anche quest’anno utili per definire la condizione dei partecipanti in vista del Tour de France. La corsa francese, giunta alla 69-esima edizione, si svolgerà dal 4 all’11 giugno prossimo. La corsa, organizzata dall’Aso, prevede  otto tappe (di cui una cronometro individuale), undici dipartimenti lambiti dalla corsa, 35 cotes da scalare e 1151.5 km complessivi da affrontare.

datatappadistanzavincitoreleader
14 giugnoSaint-Étienne / Saint-Étienne170 km
25 giugnoSaint-Chamond / Arlanc171 km
36 giugnoLe Chambon-sur-Lignon / Tullins184 km
47 giugnoLa Tour-du-Pin / Bourgoin-Jallieu (cronometro)23.5 km
58 giugnoLa Tour-de-Salvagny / Mâcon175 km
69 giugnoParc des Oiseaux – Villars-les-Dombes / La Motte-Servolex145.5 km
710 giugnoAoste / Alpe d’Huez167.5 km
811 giugnoAlbertville / Plateau de Solaison115 km

Le tappe

Le squadre iscritte

Le squadre partecipanti al Criterium del Delfinato 2017

Le curiosità

Edizione più lunga?

– Edizione n.67 del 2015 corsa il 14.06.2015, lunga 1213 km e percorsa in 30h 59′ 02” alla media di 39.149 km/h

Edizione più corta?

– Edizione n.61 del 2009 corsa il 14.06.2009, lunga 1027.5 km e percorsa in 26h 33′ 15” alla media di 38.694 km/h

Edizione più veloce?

– Edizione n.55 del 2003 corsa il 15.06.2003, lunga 1187.5 km e percorsa in 29h 31′ 53” alla media di 40.211 km/h

Edizione più lenta?

– Edizione n.56 del 2004 corsa il 13.06.2004, lunga 1112 km e percorsa in 29h 27′ 15” alla media di 37.754 km/h

Edizione con durata maggiore?

– Edizione n.34 del 1982 corsa il 07.06.1982 e percorsa in 35h 25′ 03”

Edizione con durata minore?

– Edizione n.61 del 2009 corsa il 14.06.2009, lunga 1027.5 km e percorsa in 26h 33′ 15” alla media di 38.694 km/h

Ciclista che ha vinto più volte?

Bernard HINAULT ha vinto 3 volte
Christopher FROOME ha vinto 3 volte
Luis OCANA PERNIA ha vinto 3 volte
Charles MOTTET ha vinto 3 volte
Nello LAUREDI ha vinto 3 volte

Ciclista più giovane?

Greg LEMOND ha vinto all’età di 21 anni

Ciclista più vecchio?

Christophe MOREAU ha vinto all’età di 36 anni

Edizione con maggiore distacco tra primo e secondo?

– Edizione n.47 del 1995 corsa il 11.06.1995, lunga 1152.9 km e percorsa in 28h 51′ 32” alla media di 39.95 km/h con un distacco di 00h 02′ 21” 1° INDURAIN LARRAYA 2° BOARDMAN

Edizione con minore distacco tra primo e secondo?

– Edizione n.53 del 2001 corsa il 17.06.2001 e percorsa in 28h 24′ 10” con un distacco di 00h 00′ 01” 1° MOREAU 2° TONKOV

Chi vincerà il Tour de France 2017?

Tour de France 2017, chi vincerà? Sebbene in piena campagna del Nord, con Parigi-Roubaix, Amstel Gold Race e Liegi-Bastogne-Liegi ancora di disputare, oltre alla gustosa 100-esima edizione del Giro d’Italia, i pretendenti a vestire la maglia gialla sui Campi Elisi il prossimo 23 luglio si stanno già studiando e, a volte, anche nascondendo dagli avversari. Al momento non pare esserci gara: l’inglese Chris Froome parte con i favori del pronostico ed anche nettamente.

I possibili avversari arrivano dall’altra parte del mondo (ciclistico): l’australiano Porte ed il colombiano Quintana sembrano al momento i pretendenti più per un posto sul podio che come possibili vincitori. Poi a seguire, diversi outsiders come Zakarin, Valverde, l’eterno Contador, la speranza francese Pinot.

E gli italiani? Se Nibali ed Aru disputeranno la corsa Rosa da protagonisti, difficile vederli in lotta sulle strade transalpine per la vittoria finale, sebbene la voglia di vedere il tricolore e sentire le note dell’Inno di Mameli sia sempre tanta.

Ecco allora le quote di alcuni dei principali bookmakers

Bwin (al 08-04-2017)

Sisal Matchpoint

William Hill

Coca-Cola e ciclismo: quando nasce l’unione

Parlare di Coca-Cola come alimento nello sport pare strano: notiamo campeggiare la pubblicità della bibita di Atlanta negli stadi e nelle arene di tutto il mondo, tuttavia limitatamente all’uso che possono farne gli spettatori assistendo all’evento. Ma pensare che qualche atleta professionista possa farne regolare uso durante la gara, a storcere il naso non sarebbero solo i dietologi.

Ebbene sapete che il primo spot della Coke è legato addirittura al mondo del ciclismo? Ebbene si, perchè gli americani Jack Prince e Bobby Walthour, nel lontano 1903, comparvero assieme sul giornale locale, “Atlanta Journal” manifestando il loro apprezzamento nei confronti della bevanda definita “deliciously refreshing”, ovvero piacevolmente rinfrescante. Walthour, che aveva appena trionfato nella Sei Giorni di New York svoltasi presso il Madison Square Garden, affermava che “i risultati della competizione sarebbero potuti essere diversi senza Coca-Cola”.

E pensate che le corse in piste di un secolo erano davvero una fatica estrema, con i ciclisti che riposavano il minimo nell’arco delle 24 ore. Da allora, Coca Cola e ciclismo sono spesso andate a braccetto, tanto che il marchio rosso è da anni sponsor del Tour de France, il più grande evento mondiale delle due ruote.

Giro delle Fiandre: Muro di Paterberg costruito da un contadino?

Da poco inserito nel tracciato del Giro delle Fiandre, il Muro di Paterberg ha già acquisito spessore ed importanza nella storia della corsa. Con un picco di 20.33% ed un media del 12% di pendenza, la salita ha conquistato lo scettro della pendenza maggiore, strappandola al Koppenberg che l’ha mantenuta per anni con i suoi 19.42%.

Altro elemento caratterizzante è il fatto di essere, assieme all’Oude Kwaremont, l’unica ascesa ad essere percorsa per due volte. La seconda poi, spesso diventa il punto fondamentale per stabilire chi potrà vincere la classica fiamminga, venendo affrontata a soli 13 km dalla linea d’arrivo.

Entrata “in corsa” nel 1986, è sempre stata inserita nel programma della gara da quel momento, elemento indicativo di come venga riconosciuta dagli organizzatori come un Muro storico, dove migliaia di fans si assiepano fin dalle prime ore del mattino per assistere al passaggio degli eroi del Nord.

Una storia curiosa legata all’asperità indica i motivi che diedero vita alla sua costruzione. Le leggende locali indicano nella gelosia di un contadino, che viveva nei pressi del Paterberg, la causa scatenante. Infatti l’agricoltore non vedeva di buon’occhio che il  Koppenberg diventasse celebre ogni anno per un giorno. Ed allora, armato di buona volontà, comiciò a posare pietra dopo pietra, ricoprendo quella che fino ad allora era una semplice strada di campagna.

Varie fonti “ufficiali” smentiscono però questa versione leggendaria. Sarebbe stato merito del consiglio comunale di Kluisbergen che nel 1983 avrebbe deciso di ricoprire d’asfalto quella via polverosa e fangosa nei giorni di pioggia.

“Fino a che il Paterberg fosse stata una pessima strada, soltanto i trattori avrebbero potuto percorrerla”, disse l’assessore locale ai Lavori Pubblici Philippe Willequet.

“Dunque il consiglio comunale decise di porre asfalto lungo il tracciato e lo comunicai al mio amico Paul Vandewalle, che viveva sulla sommità. Egli stesso mi consigliò di porre delle pietre. Sarebbe stato più costoso ma esteticamente più bello e speravo che un giorno il Giro delle Fiandre ci sarebbe passato sopra”.  E così fu: solo qualche anno più tardi gli organizzatori inserirono il Paterberg nel tracciato di gara e da allora è uno dei punti più emozionanti della Classica delle Fiandre.

Rodania: la musica che annuncia il Giro delle Fiandre

Giro delle Fiandre  e Rodania è un matrimonio che dura da decenni. Il famoso marchio di orologi svizzero è uno degli sponsor della corsa e la sua auto precede la carovana ed è presente anche in altre corse del Nord, con il suo inconfondibile jingle.

La Rodania venne fondata dalla famiglia Baumgartner nel lontano 1930 ed in breve tempo regisstrò un notevole successo, aprendo uffici presso New York, Montreal, Caracas, Madrid e Bruxelles.

Dal 1951, il distaccamento della capitale belga finì sotto la supervisione di Manfred Aebi, un giovane emigrato svizzero sofferente di poliomelite e fu lo stesso Aebi a decidere di iniziare a sponsorizzare le gare di ciclismo.

Il 1954 fu l’anno che vide per la prima volta un’autovettura, con un evidente orologio posto sul tetto, percorrere le strade del Giro delle Fiandre.  L’azienda cominciò poi anche a sponsorizzare i ciclisti direttamente, ed Eddy Merckx fu tra quelli.

Sempre la fervida mente di Aebi partorì la musichetta identificava del marchio. Egli stesso disse di aver tratto ispirazione dalla Quinta Sinfonia di Beethoven.

Tale jingle così, è diventato  per i tifosi assiepati sulle strade, il richiamo fondamentale, che annuncia l’arrivo della corsa. Secondo una stima non ufficiale, la “sinfonia” viene attivata dal guidatore della vettura circa 5.400 volte  durante l’intera corsa fiamminga.