Maglietta e cognome sbagliato: l’errore Beckham

Maglietta e cognome sbagliato: l’errore Beckham

Nell’epoca dei social, un errore diventa virale subito e la maglia “acquista” valore: i casi più curiosi della storia del calcio.

 

 

La maglia di un calciatore è più di un semplice pezzo di tela, è ormai un’icona: se l’occasione di un’asta benefica o la passione di collezionare la reliquia spinge tanti appassionati a vere proprie follie, realizzare la divisa da gioco il più cool possibile mette in competizione le aziende del settore sportivo.

E talvolta la fretta può portare ad errori di scrittura,  come nel novembre 2007 quando l’attaccante del Blackburn David Bentley dovette indossare una divisa da gioco con il suo cognome “modificato” in Betnley nel match di Premier League contro il Manchester United.

 

E la lista degli errori vede anche la Star del calcio inglese David Beckham che venne apostrofato in ‘Beckam’ per il match di Charity Shield del 1997 contro il Chelsea. “Pensai che i miei compagni volessero liquidarmi. Fui il solo ad accorgermi. Ma era troppo tardi per porvi rimedio, ed allora assieme ai miei compagni ci ridemmo sopra”, confidò il bel David ai giornalisti dopo il match.

L’errore tipografico, come il refuso di stampa, è sempre dietro l’angolo. Quando nell’aprile 2003 John O’Shea giocò il match di ritorno di Champions League con la divisa del Manchester United contro il Real Madrid, sul retro il suo cognome era diventato S’hea.

 

 

Forse qualche giustificazione in più può essere concessa a chi preparò la divisa da portiere del polacco Tomasz Kuszczak. Certo, la presenza in sequenza di numerose consonanti non facilitò certamente la realizzazione dell’opera. Inoltre l’estremo difensore scese in campo come titolare soltanto due volte con il Manchester United.

Fatale fu il match di Carling Cup contro il Crewe nell’ottobre 2006, quando si trasformò misteriosamente in “Zuszczak”.

L’errore può anche portare fortuna: l’attaccante brasiliano Liedson, acquistato per 2 milioni di dollari nell’estate 2003 dai portoghesi dello Sporting Lisbona, indossò al suo esordio la maglietta numero 9 con la “esse” stampata al contrario, che la rendeva più simile ad una zeta. Ma andato in goal all’esordio, non volle cambiare la scaramanzia nel corso della sua esperienza quasi decennale con i biancoverdi realizzò ben 116 reti in 214 presenze.

 

L’Inghilterra sembra il paese più avvezzo agli errori: nel match contro il Middlesbrough, l’argentino Javier Mascherano indossò la camiseta del Liverpool monca di una lettera. “Mascerano” infatti è infatti la pronuncia del cognome del centrocampista argentino e non l’anagrafica corretta.

 

 

 

 

Ma al peggio non c’è mai fine: il Crystal Palace, club londinese che nel 2004-05 fece ritorno in Premier League dopo aver vinto i play-off l’anno precedente. Ebbene, la toppa che riporta il logo del massimo torneo inglese riportava un alquanto improbabile  “Chrystal” che spinse i fans locali a creare un coro autoironico “There’s only one h in Palace,” (c’è solo una sola H in Palace). Tuttavia lo spirito umoristico non valse la salvezza ai londinesi che si piazzarono al 18° in graduatoria.

Share on Facebook3Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on Reddit0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.