L’aquila, il simbolo della Lazio

L’aquila, il simbolo della Lazio

L’aquila è un simbolo che nel calcio è assai utilizzato, in quanto sinonimo di potenza, vittoria e prosperità. La squadra di calcio della Lazio ha appunto l’animale rapace come simbolo identificativo.

Perchè la Lazio ha l’Aquila?

La scelta venne effettuata da Fortunato Ballerini, che fu il secondo presidente nella storia della Società e della Sezione di escursionismo, nonchè Presidente Generale della Polisportiva biancoceleste.

Amante della natura ed amante delle grandi vette, si dilettava nelle passeggiate in quota e proprio durante queste escursioni notava spesso il rapace. che lo colpì per la sua maestosità. Sebbene nel corso della storia ultracentenaria le modifiche siano state diverse, già nel primo logo, anno 1912, veniva raffigurato uno scudo a strisce verticali bianche e celesti dove era posata un’aquila che reggeva un nastro sul quale campeggiava il nome della società, in sostituzione del semplice scudo con i colori sociali.

Qualche stagione più tardi comparirà sul simbolo laziale la dicitura “Roma”, per poi essere modificato durante il Ventennio per volontà del regime mussoliniano. Alla fine della dittatura lo stemma del club biancoceleste venne ridisegnato secondo lo stile originario.

Poi, nel 1979, il primo “passaggio” legato al concetto di marketing sportivo. La dirigenza della Lazio ideò un proprio logo, registrato presso l’Ufficio italiano brevetti e marchi, che consisteva in una piccola aquila stilizzata blu, che comparve nelle maglie realizzate dalla azienda romana Pouchain.

La storia della Lazio attraverso i simboli

 

Sotto la presidenza Lotito l’Aquila ha fatto il suo ingresso anche in campo, all’Olimpico, prima della partite casalinghe dei biancoazzurri. Per onor di cronaca, il club portoghese del Benfica fa effettuare al proprio rapace tale spettacolo, con tutte le conseguenze del caso. Infatti si è soliti associare ai giri che l’aquila può effettuare nel cielo le previsioni relative all’andamento della partita.

Una nota curiosa: nel campionato 2015-16 la dirigenza della Lazio optò per non far volare l’animale prima del derby casalingo per timore di possibili incidenti.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on Reddit0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.