Il Derby Roma-Lazio giocato in un film da Pippo Franco

Vivere il Derby della Capitale Roma – Lazio come tifoso di entrambe le squadre per amore della famiglia. E’ il sunto di uno dei episodi del film “L’arbitro, il calciatore e Il tifoso” del 1983 diretto da Pier Francesco Pingitore e con Alvaro Vitali e Pippo Franco nel ruolo di protagonisti di ciascuno dei due episodi.

L’episodio del Derby romano

Pippo Franco interpreta Amedeo, tifoso romanista e figlio del titolare del Bar Forza Lupi, interpretato magistralmente da Mario Carotenuto. Il buon Amedeo però, è fidanzato con Patrizia, la figlia del commendator Pecorazzi, proprietario dell’azienda in cui lavora ed acceso fan della Lazio. Siccome l’amore sa trionfare anche sulle passioni calcistiche, è disposto anche a travestirsi nella vita reale da tifoso dei biancocelesti e si finge, sul luogo di lavoro, tifoso laziale.

Le bugie si susseguono, perchè pur di non far torto al futuro suocero, diserta le trasferte dei Lupi giallorossi per poter recarsi all’Olimpico ed entrare nelle grazie del padre della fidanzata.

Lo stratagemma funziona fino a quando, per beneficenza, viene organizzato un Derby. Infatti nella pellicola, la Lazio milita nella serie cadetta, dunque non ci sarebbero state occasioni durante la stagione perchè le due compagini si affrontassero.

Qui entra in gioco la commedia all’italiana, nella sua forma più comica e divertente. Per Amedeo, è obbligatorio trovare una soluzione che non scontenti le parti e dunque, trova l’idea: presenziare sugli spalti di entrambe le fazioni, cambiando d’abito (e di colori), in continuazione.
Tuttavia, le continue corse durante i 90 minuti, gli fanno perdere la lucidità, fino a quando…

Share on Facebook14Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Reddit0Share on Tumblr0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.