Darío Dubois, il calciatore che si dipingeva il volto

Darío Dubois, il calciatore che si dipingeva il volto

Curiosa la storia di Dario Dubois, un calciatore che non alzò mail cielo nessuna Coppa del Mondo e nemmeno si distinse con la maglia di un club. Anzi, la sua carriera fu abbastanza modesta, senza sussulti di particolare interesse.

Ma allora perché raccontare le sue vicende? Cominciamo dai primi passi.

Darío Dubois nacque in Argentina in 1970.  E non vide mai uno stadio della massima serie sudamericana, arrivando al massimo a giocare come difensore centrale nel Midland, compagine di terza divisione. Ma la sua grande passione era l’hard rock, e suonava in una band che faceva cover di un gruppo argentino, i Vox Dei. Era però anche un grande fan dei KISS. Tale passione lo spinse un pomeriggio, prima di entrare in campo per giocare un derby contro l‘Argentinos de Merlo, a dipingersi totalmente il volto.

Il direttore di gara non fece nulla per impedire la cosa, d’altronde il regolamento del gioco non vieta in alcun modo il verificarsi di tale situazione. E così il buon Dario, in omaggio ai suoi amati KISS e per imporre un pò di timore agli avversari, la fece diventare abitudine. Ma dopo 16 partite che si presentava in tal modo, l’AFA, la federazione nazionale, glielo vietò in maniera tassativa, motivando la decisione con il fatto che dava una pessima impressione del calcio dilettantistico nel paese.

Poi arrivarono guai peggiori. Dapprima la rottura dei legamenti della caviglia, avvenuta nel 2005 quando indossava la camiseta del Victoriano Arenas lo costrinse al ritiro dal calcio giocato. Niente poteva fermarlo; iniziò a lavorare nel campo della musica rock, d’altronde suonare era la sua passione.

Ma il 2008 spense definitivamente tutto. Fu vittima di una rapina nel suo quartiere, venendogli sottratta l’amata chitarra e la bicicletta, subendo due colpi di pistola, uno nella gamba ed il secondo, fatale, allo stomaco. Dopo due settimane di agonia, purtroppo la morte lo colse.

In tutta la sua carriera giocò con Yupanqui, Lugano, Deportivo Riestra, Laferrere, Cañuelas e Victoriano Arenas, sebbene il Ferrocarril Midland sia la squadra che gli diede notorietà. In totale disputò 146 partite, con 13 reti.

 

 

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on Reddit0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.