Chi è stato il Pallone d’Oro più vecchio

Chi è stato il Pallone d’Oro più vecchio

Per vincere il Pallone d’Oro non è fondamentale la carta d’identità “verde”. Serve talento, classe, aver vinto qualche trofeo importante nella stagione ed un pizzico di fortuna che non guasta mai. Ecco allora che anche quando pare che la carriera stia volgendo al tramonto, trovarsi a Parigi insignito del prestigioso trofeo è possibile.

Ma chi è stato il Pallone d’Oro più vecchio della storia?

Con il gioco moderno sempre più veloce, tattico e disciplinato, il talento puro va a farsi benedire ed allora, leggendo il nome della stella che ebbe l’onore del trofeo, potrebbe non dire nulla a molti di voi.

Il record del Pallone d’Oro più vecchio della storia appartiene al calciatore inglese Stanley Matthews, che trionfò alla tenera età di 41 anni ed 11 mesi !!!

E Matthews fu il primo ad alzare al cielo il trofeo, istituito proprio nel 1956 quando militava nel  Blackpool.

Nella prima edizione s’impose con 47 punti davanti a due assi del Real Madrid, Alfredo Di Stefano e Raymond Kopa, sul podio rispettivamente con 44 e 33 punti ciascuno.

Nella speciale classifica d’anzianità seguono il portiere russo Lev Iashin, unico estremo difensore ad essersi impossessato del prezioso riconoscimento, che trionfò nel 1963 all’età di 34 anni e 2 mesi quando vestiva la maglia, unica della sua carriera, della Dinamo Mosca.

Sul terzo gradino del podio virtuale la stella del Real Madrid Alfredo Di Stefano, primo extra-europeo ad essersi aggiudicato il trofeo. In realtà Di Stefano poté essere inserito nella lista dei papabili in quanto aveva ottenuto la naturalizzazione spagnola. L’argentino vinse all’età di 33 anni e 6 mesi nel 1959.

AL quarto posto troviamo l’italiano Fabio Cannavaro, che vinse nel 2006 grazie al trionfo degli Azzurri nel Mondiale di Germania 2006. Il difensore, che passò nell’estate di Calciopoli dalla Juventus al Real Madrid, aveva 33 anni e 3 mesi ed è stato anche l’ultimo italiano ad aver trionfato

 

 

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on Reddit0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.