Invasione di gabbiani durante partita in Australia mentre attaccante segna!

Gli ostacoli da superare per un attaccante possono essere tanti. In Australia poi, anche i gabbiani possono fare invasione di campo, come avvenuto durante il match Melbourne Victory – Wellington Phoenix valido per il massimo campionato nazionale.

Ma il bomber di casa Connor Pain non teme nulla, ed infila in uscita l’estremo difensore per il 2-0 finale. Nessuno però che si rotoli per terra per festeggiare, non si sa mai.

Le più belle esultanze dopo una rete

Negli ultimi tempi va di moda non festeggiare un goal: segnare contro la propria ex squadra sembra quasi un’onta da lavare ed allora vediamo giocatori che si ammutoliscono, sembrano tristi dopo il momento clou della partita.

Ma a noi piace vedere la gioia sfrenata, quando il pallone supera la linea bianca ed il goleador si lascia andare ai sentimenti più liberi.

Divertitevi!!

 

Video virale calcio: la caduta di Sabella, ct Argentina

Si sa che la carriera di un allenatore è spesso appesa ad un filo: un goal, un palo od una parte con l’ultimo dita della mano possono determinare la vittoria o la sconfitta, la promozione o la salvezza. Come dimenticare il (quasi) svenimento di Sabella, ct dell’Argentina che durante il match dei quarti di finale di Coppa del Mondo Brasile2014 contro il Belgio rischia seriamente di cadere all’indietro a vedere la traversa scalfita da Higuain?

Per sua fortuna il match si chiuderà con la vittoria per 1-0 ed il passaggio del turno, i veri dolori ci saranno in finale…

Racing Club Avellaneda: la più bella coreografia nel derby

Derby di Avellaneda, città della Grande Provincia di Buenos Aires, significa calore: Racing Club – Independiente è un classico del calcio argentino.

Nel derby disputato nel dicembre 2009 disputato al Cilindro (prende il nome dalla forma sferica) le due squadre furono accolte da una cascata di carta (papelitos) biancocelesti, in omaggio ai colori del club di casa, il Racing Club. Vediamo con il racconto di Víctor Hugo Morales, mitico telecronista sportivo.

Maradona: il Goal del Secolo raccontato da Víctor Hugo Morales

Il Goal del Secolo riconosciuto all’unanimità è quello segnato da Diego Armando Maradona in Argentina – Inghilterra finita 2-1, disputato il 22 giugno 1986 allo Stadio Atzeca di Città del Messico, nei quarti di finale della Coppa del Mondo.

Straordinaria fu la prodezza del numero 10 argentino che partì in slalom dalla sua metacampo e salto uno per uno i difensori inglesi.

victor hugo morales giornalista

A raccontare quella prodezza fu Víctor Hugo Morales,  giornalista, scrittore e saggista uruguaiano, che si trasferì nei primi anni Ottanta in Argentina, dove continuò la sua carriera di cronista sportivo. In un’intervista, lo stesso Morales, raccontando in merito all’enfasi mostrata nel corso di quella galoppata dirà: “Ad un certo punto mi sembrava di essere filmato mentre correvo nudo ed ubriaco in strada”.

Spagnolo
« …la va a tocar para Diego, ahí la tiene Maradona, lo marcan dos, pisa la pelota Maradona, arranca por la derecha el genio del fútbol mundial, y deja el tendal y va a tocar para Burruchaga… ¡Siempre Maradona! ¡Genio! ¡Genio! ¡Genio! ta-ta-ta-ta-ta-ta… Goooooool… Gooooool… ¡Quiero llorar! ¡Dios Santo, viva el fútbol! ¡Golaaaaaaazooooooo! ¡Diegooooooool! ¡Maradona! Es para llorar, perdónenme … Maradona, en una corrida memorable, en la jugada de todos los tiempos… barrilete cósmico… ¿de qué planeta viniste? ¡Para dejar en el camino a tanto inglés! ¡Para que el país sea un puño apretado, gritando por Argentina!… Argentina 2 – Inglaterra 0… Diegol, Diegol, Diego Armando Maradona… Gracias Dios, por el fútbol, por Maradona, por estas lágrimas, por este Argentina 2 – Inglaterra 0. »

Italiano
« … la tocca per Diego, ecco, ce l’ha Maradona. Lo marcano in due, tocca la palla Maradona, avanza sulla destra il genio del calcio mondiale. Può toccarla per Burruchaga.. sempre Maradona.. genio, genio, genio.. c’è, c’è, c’è… goooooooooool… voglio piangere.. Dio Santo, viva il calcio.. golaaaaaazooo.. Diegooooooool.. Maradona.. c’è da piangere, scusatemi.. Maradona in una corsa memorabile, la giocata migliore di tutti i tempi.. aquilone cosmico.. Da che pianeta sei venuto ?, per lasciare lungo la strada così tanti inglesi ? Perché il Paese sia un pugno chiuso che esulta per l’Argentina.. Argentina 2, Inghilterra 0.. Diegol, Diegol, Diego Armando Maradona… Grazie, Dio, per il calcio, per Maradona, per queste lacrime, per questo Argentina 2, Inghilterra 0. »

Empoli – Inter: quando Recoba segnò da 50 metri

El Chino Recoba è spesso ricordato per episodi piuttosto che per una carriera costante: dal suo arrivo in Italia all’Inter, siglando una doppietta alla prima giornata contro il Brescia alla squalifica per lo scandalo passaporti, ai numerosi goal da posizioni impossibile, il calciatore uruguaiano è rimasto  nei ricordi dei molti interisti, sempre speranzosi che dal suo sinistro magico potesse partire il colpo risolutore.

Ed il 25 gennaio 1998, Recoba seppe salvare i nerazzurri dalla sconfitta sul campo dell’Empoli con una prodezza da circa 50 metri, cogliendo il portiere toscano Roccati fuori dai pali con un colpo da biliardo.