Albo d’oro Eurolega-Coppa Campioni di basket

Nata come Coppa dei Campioni, fu il calcio ad essere ispiratore della competizione analoga di pallacanestro. Per lunghi decenni il torneo fu riservato unicamente alle squadre campioni nazionali (più la vincitrice della precedente edizione) con formule diverse ma che permettevano anche alla più piccola realtà cestistica del continente di cullare il sogno della vittoria.

Una prima modifica venne introdotta nella stagione 1990-91, quando vennero ammesse anche squadre piazzatesi ai posti d’onore dei tornei di pallacanestro più importanti d’Europa.

Poi, all’inizio della stagione, la prima seria spaccatura nella direzione del movimento sportivo a livello europeo: la ULEB (Unione delle Leghe Europee di Basket) registra il marchio Eurolega lasciato scoperto da FIBA Europe, la quale crea la Suproleague. Le società si dividono fra i due tornei in termini di partecipazione e dopo l’annata dello scisma, la situazione si ricompatta.

Le società, sotto la direzione dell’ULEB, hanno la meglio e da quel momento nasce, nei fatti l’Eurolega, che non è solo una competizione che permette di veder scontrarsi le più forti realtà, ma modifica completamente il concetto di ammissione al torneo.

Dopo alcuni anni in cui viene utilizzato il concetto di licenza per l’ammissione, nella stagione 2016-17 nasce l’Eurolega che può essere tranquillamente paragonata ad un torneo europeo per clubs, senza vincoli di vittoria nel rispettivo campionato.

Anno-vincitore-nazione
1958 Ask Riga (Urs)
1959 Ask Riga (Urs)
1960 Ask Riga (Urs)
1961 Cska Mosca (Urs)
1962 Dinamo Tbilisi (Urs)
1963 Cska Mosca (Urs)
1964 Real Madrid (Spa)
1965 Real Madrid (Spa)
1966 Simmenthal Olimpia Milano (Ita)
1967 Real Madrid (Spa)
1968 Real Madrid (Spa)
1969 Cska Mosca (Urs)
1970 Ignis Pall. Varese (Ita)
1971 Cska Mosca (Urs)
1972 Ignis Pall. Varese (Ita)
1973 Ignis Pall. Varese (Ita)
1974 Real Madrid (Spa)
1975 Ignis Pall. Varese (Ita)
1976 Mobilgirgi Pall. Varese (Ita)
1977 Maccabi Tel Aviv (Isr)
1978 Real Madrid (Spa)
1979 Bosna Sarajevo (Jug)
1980 Real Madrid (Spa)
1981 Maccabi Tel Aviv (Isr)
1982 Squibb Pall. Cantù (Ita)
1983 Ford Pall. Cantù (Ita)
1984 Virtus BancoRoma (Ita)
1985 Cibona Zagabria (Jug)
1986 Cibona Zagabria (Jug)
1987 Tracer Olimpia Milano (Ita)
1988 Philips Olimpia Milano (Ita)
1989 Jugoplastika Spalato (Jug)
1990 Jugoplastika Spalato (Jug)
1991 Pop 84 Jugoplastika Spalato (Jug)
1992 Partizan Belgrado (Jug)
1993 Csp Limoges (Fra)
1994 Joventut Badalona (Spa)
1995 Real Madrid (Spa)
1996 Panathinaikos Atene (Gre)
1997 Olympiacos Pireo (Gre)
1998 Kinder Virtus Bologna (Ita)
1999 Zalgiris Kaunas (Lit)
2000 Panathinaikos Atene (Gre)
2001 Maccabi Tel Aviv (Isr)*
2001 Kinder Virtus Bologna (Ita)**
2002 Panathinaikos Atene (Gre)
2003 Barcellona (Spa)
2004 Maccabi Tel Aviv (Isr)
2005 Maccabi Tel Aviv (Isr)
2006 Panathinaikos Atene (Gre)
2007 Cska Mosca (Rus)
2008 Panathinaikos Atene (Gre)
2009 Cska Mosca (Rus)
2010 Regal Barcellona (Spa)
2011 Panathinaikos Atene (Gre)
2012 Olympiacos Pireo (Gre)
2013 Olympiacos Pireo (Gre)
2014 Maccabi Tel Aviv (Isr)
2015 Real Madrid (Spa)
2016 Cska Mosca (Rus)
2017 Fenerbahce (Tur)

Pallanuoto: albo d’oro della Coppa Campioni-Champions League

La pallanuoto ha saputo adattarsi alle mode del tempo: se una volta la Coppa dei Campioni era contesa unicamente dalla squadre vincitrici del torneo nazionale, la crescita dell’interesse e la possibilità di accedere a premi più sostanziosi ha visto il cambio di formula della massima competizione per clubs.

Nato come European Cup, il trofeo ha assunto la denominazione di Champions League nella stagione 1996-1997 e in seguito di Euroleague  a partire dal 2003-2004. Nella stagione 2011-2012 è tornato ad assumere la denominazione di LEN Champions League.

La formula ricalca quella del calcio, con una fase eliminatoria utile a scremare le compagini, in modo che alla fase a gironi accedano soltanto le più forti.

Infine la Final SIX in sede unica, con due squadre già qualificate per le semifinali ed un turno di quarto di finale secco per scegliere le altre due compagini. Di seguito l’albo d’oro della manifestazione.

StagioneCampioneNAZSecondo postoNAZ
1963-64PartizanYUGDinamo MoscaURSS
1964-65Pro ReccoITAPartizanYUG
1965-66PartizanYUGDinamo MagdeburgoDDR
1966-67PartizanYUGPro Recco ITA
1967-68MladostYUGDinamo BucarestROU
1968-69MladostYUGDinamo MoscaURSS
1969-70MladostYUGPro Recco ITA
1970-71PartizanYUGMladostYUG
1971-72MladostYUGPro Recco ITA
1972-73OrvosegyetemHUNPartizanYUG
1973-74MGU MoscaURSSOrvosegyetem HUN
1974-75PartizanYUGOrvosegyetem HUN
1975-76PartizanYUGVasas HUN
1976-77CSK VMF MoscaURSSZian ZianNLD
1977-78Canottieri Napoli ITACSK VMF MoscaURSS
1978-79Orvosegyetem HUNMontjuïcESP
1979-80Vasas HUNPartizanYUG
1980-81Jug DubrovnikYUGSpandauFRG
1981-82BarcellonaESPSpandauFRG
1982-83SpandauFRGDinamo Alma-AtaURSS
1983-84Pro Recco ITAAlphen AlphenNLD
1984-85Vasas HUNCSK VMF MoscaURSS
1985-86SpandauFRGBudapest VSC Vasutas HUN
1986-87SpandauFRGDinamo MoscaURSS
1987-88Pescara Pescara ITASpandauFRG
1988-89SpandauFRGCatalunyaESP
1989-90MladostYUGSpandauFRG
1990-91MladostYUGCanottieri Napoli ITA
1991-92Jadran SpalatoHRVSavona Savona ITA
1992-93Jadran SpalatoHRVMladostHRV
1993-94Újpest HUNCatalunyaESP
1994-95CatalunyaESPÚjpest HUN
1995-96MladostHRVÚjpest HUN
1996-97Posillipo ITAMladostHRV
1997-98Posillipo ITAPescara Pescara ITA
1998-99POŠK POŠKHRVBecejYUG
1999-00BecejYUGMladostHRV
2000-01Jug DubrovnikHRVOlympiakosGRC
2001-02OlympiakosGRCHonvéd HUN
2002-03Pro Recco ITAHonvéd HUN
2003-04Honvéd HUNJadran Herceg Novi Jadran H.N.SCG
2004-05Posillipo ITAHonvéd HUN
2005-06Jug DubrovnikHRVPro Recco ITA
2006-07Pro Recco ITAJug DubrovnikHRV
2007-08Pro Recco ITAJug DubrovnikHRV
2008-09PrimoracMNEPro Recco ITA
2009-10Pro Recco ITAPrimoracMNE
2010-11PartizanSRBPro Recco ITA
2011-12Pro Recco ITAPrimorje PrimorjeHRV
2012-13Stella RossaSRBJug DubrovnikHRV
2013-14BarcelonetaESPRadnickiSRB
2014-15Pro Recco ITAPrimorjeHRV
2015-16Jug DubrovnikHRVOlympiakosGRC
2016-17

 

Giro d’Italia: albo d’oro della maglia bianca dei giovani

La maglia bianca è la maglia che viene indossata dal leader della speciale classifica riservata ai giovani del Giro d’Italia. Introdotta per la priva volta nella corsa a tappe italiane nel 1976, è rimasta fino al 1994 e poi successivamente, è stata ripristinata nel 2007.

La graduatoria a tempi è riservata ogni anno ai soli ciclisti che non hanno ancora compiuto il venticinquesimo anno di età il 1º gennaio dell’anno in corso.
Anche al Tour de France il vincitore della classifica dei giovani viene premiato con la maglia bianca mentre alla Vuelta a España indica, a partire dal 2002, il leader della classifica combinata, la graduatoria che tiene conto, sommandoli, dei piazzamenti nelle altre tre classifiche (generale, a punti e scalatori).
Altre maglie bianche vengono assegnate all’Eneco Tour (classifica generale), alla Parigi-Nizza (classifica giovani), alla Tirreno-Adriatico (classifica giovani), alla Volta Ciclista a Catalunya (classifica degli sprint), alla Vuelta al País Vasco (classifica a punti), al Tour de Romandie (classifica giovani), al Critérium du Dauphiné (classifica giovani), al Tour of Beijing (classifica giovani), e, in campo femminile, al Giro Rosa (classifica giovani).

Finora, nelle circa 30 edizioni della corsa in cui è stata assegnata, due volte  il vincitore della classifica finale è stato anche colui che ha vinto la classifica dei giovani. Entrambe le volte si è trattato di un corridore straniero: Berzin (1994) ed il colombiano Nairo Quintana nel 2014.

Visentini, Chioccioli e Tonkov sono invece stati coloro che hanno poi vinto nel corso della loro carriera il Giro d’Italia.

AnnoCorridoreSquadraTempo
1976Italia Alfio VandiMagniflex-Torpado120h02’22”
1977Italia Mario BecciaSanson107h40’04”
1978Italia Roberto VisentiniVibor101h50’17”
1979Italia Silvano ContiniBianchi-Faema89h36’51”
1980Svezia Tommy PrimBianchi-Piaggio112h16’13”
1981Italia Giuseppe FaracaHoonved-Bottecchia105h05’30”
1982Italia Marco GroppoMetauro Mobili-Pinarello105h05’29”
1983Italia Franco ChioccioliVivi-Benotto101h00’52”
1984Francia Charly MottetRenault-Elf99h02’11”
1985Italia Alberto VolpiSammontana-Bianchi105h57’22”
1986Italia Marco GiovannettiGis Gelati-Oece102h41’58”
1987Italia Roberto ContiSelca-Conti106h00’33”
1988Italia Stefano TomasiniFanini-Seven Up93h45’57”
1989URSS Volodymyr PulnikovAlfa Lum-STM93h40’06”
1990URSS Volodymyr PulnikovAlfa Lum92h03’23”
1991Italia Massimiliano LelliAriostea99h42’39”
1992Russia Pavel TonkovLampre-Colnago103h53’23”
1993Russia Pavel TonkovLampre-Colnago98h16’55”
1994Russia Evgenij BerzinGewiss-Ballan98h09’44”
1995-06non assegnata
2007Lussemburgo Andy SchleckTeam CSC93h01’34”
2008Italia Riccardo RiccòSaunier Duval-Scott89h58’46”
2009Belgio Kevin SeeldraeyersQuick Step86h19’26”
2010Australia Richie PorteTeam Saxo Bank87h51’23”
2011Rep. Ceca Roman KreuzigerPro Team Astana84h16’42”
2012Colombia Rigoberto UránSky Procycling91h44’59”
2013Colombia Carlos Alberto BetancurAG2R La Mondiale85h00’56”
2014Colombia Nairo QuintanaMovistar Team88h14’32”
2015Italia Fabio AruAstana Pro Team88h24’18”
2016Lussemburgo Bob JungelsEtixx-Quick Step86h41’20”
2017

Albo d’Oro Scalatori Giro d’Italia

La classifica degli scalatori del Giro d’Italia, denominata Gran Premio della Montagna, venne istituita nel 1933. La graduatoria è data dalla somma dei punti assegnati ai ciclisti che transitano per primi sui traguardi dei Gran Premi della Montagna.

Solo dal 1974 venne assegnata la maglia verde, poi sostituita, dal 2012, con la maglia azzurra, deciso e voluto dal nuovo sponsor, la Banca Mediolanum.

Il regolamento

Tipologia
Cima Coppi45302014106421
Prima Categoria35181296421
Seconda Categoria1586421
Terza Categoria7421
Quarta Categoria321

L’Albo d’Oro del Gran Premio della Montagna

AnnoCorridoreSquadraAltre classifiche
1933Italia Alfredo BindaLegnanoMaglia Rosa
1934Italia Remo BertoniLegnano
1935Italia Gino BartaliFréjus
1936Italia Gino BartaliLegnanoMaglia Rosa
1937Italia Gino BartaliLegnanoMaglia Rosa
1938Italia Giovanni ValettiFréjusMaglia Rosa
1939Italia Gino BartaliLegnano
1940Italia Gino BartaliLegnano
1946Italia Gino BartaliLegnanoMaglia Rosa
1947Italia Gino BartaliLegnano
1948Italia Fausto CoppiBianchi
1949Italia Fausto CoppiBianchiMaglia Rosa
1950Svizzera Hugo KobletGuerraMaglia Rosa
1951Francia Louison BobetBottecchia
1952Francia Raphael GeminianiBianchi-Pirelli
1953Italia Pasquale FornaraBottecchia
1954Italia Fausto CoppiBianchi
1955Italia Gastone NenciniLeo-Chlorodont
1956*Spagna Federico BahamontesGirardengo-ICEP
Lussemburgo Charly GaulFaema-GuerraMaglia Rosa
1957Francia Raphael GeminianiMercier
1958Belgio Jean BrankartSaint-Raphaël
1959Lussemburgo Charly GaulEmiMaglia Rosa
1960Belgio Rik Van LooyFaema
1961Italia Vito TacconeAtala
1962Spagna Angelino SolerGhigi
1963Italia Vito TacconeLygie
1964Italia Franco BitossiSpring Oil
1965Italia Franco BitossiFilotex
1966Italia Franco BitossiFilotex
1967Spagna Aurelio GonzalezKAS
1968Belgio Eddy MerckxFaemaMaglia Rosa e Punti
1969Italia Claudio MichelottoMax Meyer
1970Belgio Martin VandenbosscheMolteni
1971Spagna José Manuel FuenteKAS
1972Spagna José Manuel FuenteKAS
1973Spagna José Manuel FuenteKAS
1974Spagna José Manuel FuenteKAS
1975Spagna Francisco Galdós
Spagna Andrés OlivaKAS
1976Spagna Andrés OlivaKAS
1977Spagna Faustino Fernández OviesKAS-Campagnolo
1978Svizzera Ueli SutterZonca-Santini
1979Italia Claudio BortolottoSanson
1980Italia Claudio BortolottoSan Giacomo
1981Italia Claudio BortolottoSantini-Selle Italia
1982Belgio Lucien Van ImpeBoston-Mavic
1983Belgio Lucien Van ImpeBoston-Mavic
1984Francia Laurent FignonRenault-Elf
1985Spagna José Luis NavarroZor
1986Spagna Pedro MuñozFagor
1987Regno Unito Robert MillarPanasonic
1988Stati Uniti Andrew Hampsten7-ElevenMaglia Rosa
1989Colombia Luis HerreraCafé de Colombia
1990Italia Claudio ChiappucciCarrera Jeans-Vagabond
1991Spagna Iñaki GastónCLAS-Cajastur
1992Italia Claudio ChiappucciCarrera Jeans-Tassoni
1993Italia Claudio ChiappucciCarrera Jeans-Tassoni
1994Svizzera Pascal RichardGB-MG Maglificio
1995Italia Mariano PiccoliBrescialat
1996Italia Mariano PiccoliBrescialat
1997Colombia José Jaime GonzálezKelme-Costa Blanca
1998Italia Marco PantaniMercatone UnoMaglia Rosa
1999Colombia José Jaime GonzálezKelme-Costa Blanca
2000Italia Francesco CasagrandeVini Caldirola-Sidermec
2001Colombia Freddy GonzálezColombia-Selle Italia
2002Messico Julio Alberto Pérez CuapioPanaria
2003Colombia Freddy GonzálezColombia-Selle ItaliaCombattività
2004Germania Fabian WegmannGerolsteiner
2005Venezuela José RujanoColombia-Selle ItaliaCombattività
2006Spagna Juan Manuel GárateQuick Step-Innergetic
2007Italia Leonardo PiepoliSaunier Duval-ProdirCombattività
2008Italia Emanuele SellaCSF Group-NavigareCombattività
2009Italia Stefano GarzelliAcqua & SaponeCombattività
2010Australia Matthew LloydOmega Pharma-LottoCombattività
2011Italia Stefano GarzelliAcqua & Sapone
2012Italia Matteo RabottiniFarnese Vini-Selle Italia
2013Italia Stefano PirazziBardiani Valvole-CSF Inox
2014Colombia Julián ArredondoTrek FactoryCombattività
2015Italia Giovanni ViscontiMovistar Team
2016Spagna Mikel NieveTeam Sky

*Nell’edizione 1956 del Giro furono assegnati il Trofeo Appennini, vinto da Federico Bahamontes, e il Trofeo Dolomiti, vinto da Charly Gaul

Albo d’Oro classifica punti del Giro d’Italia

La classifica a punti al Giro d’Italia ha storia abbastanza recente. Nacque infatti soltanto nel 1966, senza però che gli organizzatori della corsa rosa gli assegnassero una maglia. Nel 1968 venne deciso di vestire il capoclassifica con la maglia rossa, scelta che venne applicata solo per due stagioni.

A partire dal 1969 venne infatti introdotta la maglia ciclamino, rimasta per ben 40 anni.  Dall’edizione 2010 il rientro della maglia rossa, rimasta fino all’edizione del 2016. Da quest’anno infatti si è tornati al vecchio amore in virtù dell’ingresso fra gli sponsor del Giro della  Zanetti, azienda leader del caffè in Italia e mondo, già sponsor del team Trek-Segafredo.

Curiosità

Francesco Moser e Giuseppe Saronni sono i due atleti ad essersi aggiudicati più volte la maglia ciclamino: quattro. E gli unici ad averla conquistata per tre edizione di fila. A quota tre Mario Cipollini, Roger de Vlaeminck e Johan van der Velde. Gli italiani hanno vinto 33 delle 52 classifiche a punti nella storia del Giro.

Il più giovane atleta a vincere la classifica a punti fu Giuseppe Saronni nel 1979 a 21 anni e 257 giorni, mentre il più anziano Mario Cipollini nel 2002 a 35 anni e 72 giorni.

Il regolamento

La maglia di leader della classifica a punti è assegnata al termine di ogni tappa al corridore che ha accumulato il maggior numero di punti sul traguardo finale e in quelli volanti; questi ultimi, dal 1989 al 2005, valevano per la classifica intergiro.
Al 2016, i punti assegnati al termine di ogni tappa variano in base alla difficoltà altimetrica della tappa: una frazione adatta ai velocisti assegna molti più punti rispetto a una adatta agli scalatori. Le tappe, escluse le cronosquadre che non assegnano punti, sono suddivise in 5 categorie (A, B, C, D, E).

Tipologia123456789101112131415
Traguardo finale categoria A-B5035251814121087654321
Traguardo finale categoria B2518128654321
Traguardo finale categoria D-E151297654321
Traguardo volante categoria A-B2012864321
Traguardo volante categoria C106321
Traguardo volante categoria D841
AnnoCorridoreSquadraPuntiAltre classifiche
1966Italia Gianni MottaMolteni228Generale
1967Italia Dino ZandegùSalvarani200
1968Belgio Eddy MerckxFaema198Generale e Scalatori
1969Italia Franco BitossiFilotex182
1970Italia Franco BitossiFilotex252
1971Italia Marino BassoMolteni181
1972Belgio Roger De VlaeminckDreher264
1973Belgio Eddy MerckxMolteni237Generale
1974Belgio Roger De VlaeminckBrooklyn265
1975Belgio Roger De VlaeminckBrooklyn346
1976Italia Francesco MoserSanson-Campagnolo272
1977Italia Francesco MoserSanson-Campagnolo226
1978Italia Francesco MoserSanson-Campagnolo229
1979Italia Giuseppe SaronniScic275Generale
1980Italia Giuseppe SaronniGis Gelati301
1981Italia Giuseppe SaronniGis Gelati215
1982Italia Francesco MoserFamcucine247
1983Italia Giuseppe SaronniDel Tongo-Colnago223Generale
1984Svizzera Urs FreulerAtala178
1985Paesi Bassi Johan van der VeldeVini Ricordi-Pinarello195
1986Italia Guido BontempiCarrera Jeans167
1987Paesi Bassi Johan van der VeldeGis Gelati175
1988Paesi Bassi Johan van der VeldeGis Gelati154
1989Italia Giovanni FidanzaChateau d’Ax172
1990Italia Gianni BugnoChateau d’Ax195Generale
1991Italia Claudio ChiappucciCarrera Jeans283
1992Italia Mario CipolliniGB-MG Maglificio236
1993Italia Adriano BaffiMercatone Uno228
1994Uzbekistan Djamolidine AbdoujaparovTeam Polti202
1995Svizzera Tony RomingerMapei-GB205Generale e Intergiro
1996Italia Fabrizio GuidiScrigno-Blue Storm235Intergiro
1997Italia Mario CipolliniSaeco202
1998Italia Mariano PiccoliBrescialat-Liquigas194
1999Francia Laurent JalabertONCE-Deutsche Bank175
2000Russia Dmitrij KonyševFassa Bortolo159
2001Italia Massimo StrazzerMobilvetta Design177Intergiro e Combattività
2002Italia Mario CipolliniAcqua & Sapone184
2003Italia Gilberto SimoniSaeco Macchine per Caffè154Generale
2004Italia Alessandro PetacchiFassa Bortolo250Combattività
2005Italia Paolo BettiniQuick Step-Innergetic162
2006Italia Paolo BettiniQuick Step-Innergetic169Combattività
2007Italia Danilo Di LucaLiquigas-Bianchi132Generale
2008Italia Daniele BennatiLiquigas189
2009Russia Denis Men’šovRabobank138Generale
2010Australia Cadel EvansBMC Racing Team150
2011Italia Michele Scarponi*Lampre-ISD122Generale
2012Spagna Joaquim RodríguezKatusha Team139
2013Regno Unito Mark CavendishOmega Pharma-Quickstep158
2014Francia Nacer BouhanniFDJ.fr291
2015Italia Giacomo NizzoloTrek Factory Racing181
2016Italia Giacomo NizzoloTrek-Segafredo209
2017

*In seguito alla squalifica di Alberto Contador per doping, in base alla sentenza del Tribunale Arbitrale dello Sport, vennero annullati tutti i risultati conseguiti dal ciclista spagnolo a partire dal 15 gennaio

Albo d’Oro Mondiale di Speedway

Il campionato del mondo di speedway si disputa dal 1936, anno in cui la FIM istituì in maniera ufficiale il mondiale per piloti. Dal 1930 al 1935 infatti si tenne una manifestazione simile, senza darle il “cappello”, in giro per le piste del mondo, con sede unica.

Poi dal 1936, l’istituzione di una finale che assegnava il titolo, dopo che a tale fase venivano ammessi i piloti in seguito ad una serie di qualificazioni, divise per zone europee e non. Dopo la “normale” e scontata sospensione in seguito allo scoppio della Seconda Mondiale, la rassegna riprese regolarmente.

Fino al 1960 la finale venne sempre disputata allo stadio di Wembley in Londra, essendo da sempre il Regno Unito patria della disciplina. Poi, giustamente, l’allargamento anche ad altre sedi, spesso nei Paesi Nordici (Svezia e Danimarca in primis) oltrechè in Polonia.

A partire dal 1995 il cambio di formula deciso dalla federazione portò all’assegnazione del titolo dopo una serie di prove, sulla falsariga del Mondiale di Formula 1, con la denominazione di Grand Prix Series.

Attualmente il Circus consiste in circa 11-12 prove annuali, da aprile ad ottobre. L’ultima volta che l’Italia ha ospitato una prova è stato nell’agosto 2013, quando il tracciato di Terenzano venne designato per la disputa dell’ottava prova del Mondiale.

AnnoVincitoreSecondoTerzo
1936(AUS) Lionel Van Praag (26+3 pts)(ENG) Eric Langton (26+2 pts)(AUS) Bluey Wilkinson (25 pts)
1937(USA) Jack Milne (28 pts)(USA) Wilbur Lamoreaux (25 pts)(USA) Cordy Milne (23 pts)
1938(AUS) Bluey Wilkinson (22 pts)(USA) Jack Milne (21 pts)(USA) Wilbur Lamoreaux (20 pts)
1939La Finale venne cancellata per il Conflitto Mondiale
1940-1948Sospensione causa Seconda Guerra Mondiale
1949(ENG) Tommy Price (15 pts)(ENG) Jack Parker (14 pts)(ENG) Louis Lawson (13 pts)
1950(WAL) Freddie Williams (14 pts)(ENG) Wally Green (13 pts)(AUS) Graham Warren (12 pts)
1951(AUS) Jack Young (12+3 pts)(ENG) Split Waterman (12+2 pts)(AUS) Jack Biggs (12+1 pts)
1952(AUS) Jack Young (14 pts)(WAL) Freddie Williams (13 pts)(ENG)Bob Oakley (12 pts)
1953(WAL) Freddie Williams (14 pts)(ENG) Split Waterman (13 pts)(NZL) Geoff Mardon (12+3 pts)
1954(NZL) Ronnie Moore (15 pts)(ENG) Brian Crutcher (13+3 pts)(SWE) Olle Nygren (13+2 pts)
1955(ENG) Peter Craven (13 pts)(NZL) Ronnie Moore (12+3 pts)(NZL) Barry Briggs (12+2 pts)
1956(SWE) Ove Fundin (13 pts)(NZL) Ronnie Moore (12 pts)(ENG) Arthur Forrest (11+3 pts)
1957(NZL) Barry Briggs (14+3 pts)(SWE) Ove Fundin (14+2 pts)(ENG) Peter Craven (11+3 pts)
1958(NZL) Barry Briggs (15 pts)(SWE) Ove Fundin (13 pts)(AUS) Aub Lawson (11+3 pts)
1959(NZL) Ronnie Moore (15 pts)(SWE) Ove Fundin (13 pts)(NZL) Barry Briggs (11+3 pts)
1960(SWE) Ove Fundin (14+3 pts)(NZL) Ronnie Moore (14+2 pts)(ENG) Peter Craven (14+1 pts)
1961(SWE) Ove Fundin (14 pts)(SWE) Björn Knutsson (12+3 pts)(SWE) Göte Nordin (12+2 pts)
1962(ENG) Peter Craven (14 pts)(NZL) Barry Briggs (13 pts)(SWE) Ove Fundin (10+3 pts)
1963(SWE) Ove Fundin (14 pts)(SWE) Björn Knutsson (13 pts)(NZL) Barry Briggs (12 pts)
1964(NZL) Barry Briggs (15 pts)Soviet Union Igor Plechanov (13+3 pts)(SWE) Ove Fundin (13+2 pts)
1965(SWE) Björn Knutsson (14 pts)Soviet Union Igor Plechanov (13+3 pts)(SWE) Ove Fundin (13+2 pts)
1966(NZL) Barry Briggs (15 pts)Norway Sverre Harrfeldt (14 pts)(POL) Antoni Woryna (13 pts)
1967(SWE) Ove Fundin (14+3 pts)(SWE) Bengt Jansson (14+2 pts)(NZL) Ivan Mauger (13 pts)
1968(NZL) Ivan Mauger (15 pts)(NZL) Barry Briggs (12 pts)(POL) Edward Jancarz (11+3 pts)
1969(NZL) Ivan Mauger (14 pts)(NZL) Barry Briggs (11+3 pts)(SWE) Sören Sjösten (11+2 pts)
1970(NZL) Ivan Mauger (15 pts)(POL) Pawel Waloszek (14 pts)(POL) Antoni Woryna (13 pts)
1971(DEN) Ole Olsen (15 pts)(NZL) Ivan Mauger (12+3 pts)(SWE) Bengt Jansson (12+2 pts)
1972(NZL) Ivan Mauger (13+3 pts)(SWE) Bernt Persson (13+2 pts)(DEN) Ole Olsen (12 pts)
1973(POL) Jerzy Szczakiel (13+3 pts)(NZL) Ivan Mauger (13+F pts)(POL) Zenon Plech (12 pts)
1974(SWE) Anders Michanek (15 pts)(NZL) Ivan Mauger (11+3 pts)(SWE) Sören Sjösten (11+2 pts)
1975(DEN) Ole Olsen (15 pts)(SWE) Anders Michanek (13 pts)(ENG) John Louis (12+3 pts)
1976(ENG) Peter Collins (14 pts)(ENG) Malcolm Simmons (13 pts)(AUS) Phil Crump (12 pts)
1977(NZL) Ivan Mauger (14 pts)(ENG) Peter Collins (13 pts)(DEN) Ole Olsen (12+3 pts)
1978(DEN) Ole Olsen (13 pts)(ENG) Gordon Kennett (12 pts)(USA) Scott Autrey (11+3 pts)
1979(NZL) Ivan Mauger (14 pts)(POL) Zenon Plech (13 pts)(ENG) Michael Lee (11+3 pts)
1980(ENG) Michael Lee (14 pts)(ENG) Dave Jessup (12+3 pts)(AUS) Billy Sanders (12+2 pts)
1981(USA) Bruce Penhall (14 pts)(DEN) Ole Olsen (12+3 pts)(DEN) Tommy Knudsen (12+2 pts)
1982(USA) Bruce Penhall (14 pts)(ENG) Les Collins (13 pts)(USA) Dennis Sigalos (12 pts)
1983(GER) Egon Müller (15 pts)(AUS) Billy Sanders (12 pts)(ENG)Michael Lee (11 pts)
1984(DEN) Erik Gundersen (14 pts)(DEN) Hans Nielsen (13+3 pts)(USA) Lance King (13+2 pts)
1985(DEN) Erik Gundersen (13+3 pts)(DEN) Hans Nielsen (13+2 pts)(USA) Sam Ermolenko (13+1 pts)
1986(DEN) Hans Nielsen (14 pts)(DEN) Jan O. Pedersen (13 pts)(ENG)Kelvin Tatum (12 pts)
1987(DEN) Hans Nielsen (27 pts)(DEN) Erik Gundersen (24+3 pts)(USA) Sam Ermolenko (24+2 pts)
1988(DEN) Erik Gundersen (14+3 pts)(DEN) Hans Nielsen (14+2 pts)(DEN) Jan O. Pedersen (13 pts)
1989(DEN) Hans Nielsen (15 pts)(ENG) Simon Wigg (12+3 pts)(ENG)Jeremy Doncaster (12+2 pts)
1990(SWE) Per Jonsson (13+3 pts)(USA) Shawn Moran (13+2 pts)(AUS) Todd Wiltshire (12 pts)
1991(DEN) Jan O. Pedersen (15 pts)(SWE) Tony Rickardsson (12 pts)(DEN) Hans Nielsen (11+3 pts)
1992(ENG) Gary Havelock (14 pts)(SWE) Per Jonsson (11 pts)(DEN) Gert Handberg (10 pts)
1993(USA) Sam Ermolenko (12 pts)(DEN) Hans Nielsen (11+3 pts)(ENG) Chris Louis (11+2 pts)
1994(SWE) Tony Rickardsson (12+3 pts)(DEN) Hans Nielsen (12+2 pts)(AUS) Craig Boyce (12+1 pts)
1995(DEN) Hans Nielsen (103 pts)(SWE) Tony Rickardsson (88 pts)(USA) Sam Ermolenko (83 pts)
1996(USA) Billy Hamill (113 pts)(DEN) Hans Nielsen (111 pts)(USA) Greg Hancock (88 pts)
1997(USA) Greg Hancock (118 pts)(USA) Billy Hamill (111 pts)(POL) Tomasz Gollob (92 pts)
1998(SWE) Tony Rickardsson (111 pts)(SWE) Jimmy Nilsen (99 pts)(POL) Tomasz Gollob (97 pts)
1999(SWE) Tony Rickardsson (111 pts)(POL) Tomasz Gollob (98 pts)(DEN) Hans Nielsen (76 pts)
2000(ENG) Mark Loram (102 pts)(USA) Billy Hamill (95 pts)(SWE) Tony Rickardsson (94 pts)
2001(SWE) Tony Rickardsson (121 pts)(AUS) Jason Crump (113 pts)(POL) Tomasz Gollob (89 pts)
2002(SWE) Tony Rickardsson (181 pts)(AUS) Jason Crump (162 pts)(AUS) Ryan Sullivan (158 pts)
2003(DEN) Nicki Pedersen (152 pts)(AUS) Jason Crump (144 pts)(SWE) Tony Rickardsson (127 pts)
2004(AUS) Jason Crump (158 pts)(SWE) Tony Rickardsson (155 pts)(USA) Greg Hancock (137 pts)
2005(SWE) Tony Rickardsson (196 pts)(AUS) Jason Crump (154 pts)(AUS) Leigh Adams (107 pts)
2006(AUS) Jason Crump (188 pts)(USA) Greg Hancock (144 pts)(DEN) Nicki Pedersen (134 pts)
2007(DEN) Nicki Pedersen (196 pts)(AUS) Leigh Adams (153 pts)(AUS) Jason Crump (124 pts)
2008(DEN) Nicki Pedersen (174 pts)(AUS) Jason Crump (152 pts)(POL) Tomasz Gollob (148 pts)
2009(AUS) Jason Crump (159 pts)(POL) Tomasz Gollob (144 pts)(RUS) Emil Sayfutdinov (138 pts)
2010(POL) Tomasz Gollob (166 pts)(POL) Jaroslaw Hampel (137 pts)(AUS) Jason Crump (135 pts)
2011(USA) Greg Hancock (164 pts)(SWE) Andreas Jonsson (124 pts)(POL) Jaroslaw Hampel (122 pts)
2012(AUS) Chris Holder (160 pts)(DEN) Nicki Pedersen (152 pts)(USA) Greg Hancock (148 pts)
2013(ENG) Tai Woffinden (151 pts)(POL) Jaroslaw Hampel (142 pts)(DEN) Niels-Kristian Iversen (132 pts)
2014(USA) Greg Hancock (140 pts)(POL) Krzysztof Kasprzak (132 pts)(DEN) Nicki Pedersen (121 pts)
2015(ENG) Tai Woffinden (163 pts)(USA) Greg Hancock (147 pts)(DEN) Nicki Pedersen (131 pts)
2016(USA) Greg Hancock (139 pts)(ENG) Tai Woffinden (130 pts)(POL) Bartosz Zmarzlik (128 pts)
2017

Albo d’Oro Mondiali di Hockey su Ghiaccio

L’Albo d’Oro dei Mondiali di Hockey su Ghiaccio è dominato  dalla Russia, merito della sommatoria dei 22 titoli ottenuti come URSS e dei 5 vinti sotto il nome di Russia da quando cadde il Muro di Berlino nel novembre 1989.

A partire dalla prima edizione del 1930, nella quale il Canada ricevette direttamente il pass per la finale in virtù del titolo olimpico conquistato due anni prima ai Giochi invernali di Sankt Moritz, la formula del torneo è cambiata numerose volte.

Attualmente le nazionali iscritte alla federazione internazionale (IIHF) sono divise in più raggruppamenti. Il Gruppo A, nel quale le contendenti lottano per il titolo iridato, è composto da 16 nazionali: vengono divise in due gironi in base alla classifica mondiale IIHF. Il ranking viene calcolato sulla base dei risultati ottenuti negli ultimi quattro mondiali e nell’ultimo torneo olimpico. I risultati dei tornei più recenti incidono maggiormente sul calcolo della classifica.

A partire dai mondiali del 2012 i quattro gironi preliminari sono stati sostituiti da due gironi da otto squadre ciascuno; ogni squadra disputa perciò sette gare contro le avversarie del proprio girone. Le migliori quattro squadre dei due gironi avanzano alla fase a eliminazione diretta. Nei quarti di finale le prime classificate affrontano le quarte provenienti dall’altro gruppo, mentre le seconde classificate affrontano le terze classificate dell’altro gruppo. Le vincitrici dei quarti di finale disputano le semifinali, mentre a loro volta le vincitrici delle semifinali disputano la finale per la medaglia d’oro. Le sconfitte disputano invece la finale valida per la medaglia di bronzo.

Sempre dal 2012, è stato abolito il girone retrocessione; al suo posto le ultime due classificare dei gironi preliminari sono retrocesse in Prima Divisione. Il Mondiale ha cadenza annuale e si disputa regolarmente anche nell’anno olimpico. L’Italia non ha mai conquistato alcuna medaglia.

Il miglior piazzamento del Blue Team è stato il 6° posto raggiunto nell’edizione 1994 che si svolse in Italia.

annovincitoresecondoterzosedi
1920 ^Canada (1)Stati UnitiCecoslovacchiaAnversa
1924 *Canada (2)Stati UnitiRegno UnitoChamonix
1928 *Canada (3)SveziaSvizzeraSt. Moritz
1930Canada (4)GermaniaSvizzeraChamonix, Berlino e Vienna
1931Canada (5)Stati UnitiAustriaKrynica-Zdrój
1932 *Canada (6)Stati UnitiGermaniaLake Placid
1933Stati Uniti (1)CanadaCecoslovacchiaPraga
1934Canada (7)Stati UnitiGermaniaMilano
1935Canada (8)SvizzeraRegno UnitoDavos
1936 *Regno Unito (1)CanadaStati UnitiGarmisch-Partenkirchen
1937Canada (9)Regno UnitoSvizzeraLondra
1938Canada (10)Regno UnitoCecoslovacchiaPraga
1939Canada (11)Stati UnitiSvizzeraZurigo e Basilea
1947Cecoslovacchia (1)SveziaAustriaPraga
1948 *Canada (12)CecoslovacchiaSvizzeraSt. Moritz
1949Cecoslovacchia (2)CanadaStati UnitiStoccolma
1950Canada (13)Stati UnitiSvizzeraLondra
1951Canada (14)SveziaSvizzeraParigi
1952 *Canada (15)Stati UnitiSveziaOslo e Drammen
1953Svezia (1)Germania OvestSvizzeraZurigo e Basilea
1954URSS (1)CanadaSveziaStoccolma
1955Canada (16)URSSCecoslovacchiaKrefeld, Dortmund e Colonia
1956 *URSS (2)Stati UnitiCanadaCortina d’Ampezzo
1957Svezia (2)URSSCecoslovacchiaMosca
1958Canada (17)URSSSveziaOslo
1959Canada (18)URSSCecoslovacchiaPraga e Bratislava
1960 *Stati Uniti (2)CanadaURSSSquaw Valley
1961Canada (19)CecoslovacchiaURSSGinevra e Losanna
1962Svezia (3)CanadaStati UnitiColorado Springs e Denver
1963URSS (3)SveziaCecoslovacchiaStoccolma
1964 *URSS (4)SveziaCecoslovacchiaInnsbruck
1965URSS (5)CecoslovacchiaSveziaTampere
1966URSS (6)CecoslovacchiaCanadaLubiana
1967URSS (7)SveziaCanadaVienna
1968 *URSS (8)CecoslovacchiaCanadaGrenoble
1969URSS (9)SveziaCecoslovacchiaStoccolma
1970URSS (10)SveziaCecoslovacchiaStoccolma
1971URSS (11)CecoslovacchiaSveziaBerna e Ginevra
1972Cecoslovacchia (3)URSSSveziaPraga
1973URSS (12)SveziaCecoslovacchiaMosca
1974URSS (13)CecoslovacchiaSveziaHelsinki
1975URSS (14)CecoslovacchiaSveziaMonaco di Baviera e Düsseldorf
1976Cecoslovacchia (4)URSSSveziaKatowice
1977Cecoslovacchia (5)SveziaURSSVienna
1978URSS (15)CecoslovacchiaCanadaPraga
1979URSS (16)CecoslovacchiaSveziaMosca
1981URSS (17)SveziaCecoslovacchiaGöteborg e Stoccolma
1982URSS (18)CecoslovacchiaCanadaHelsinki e Tampere
1983URSS (19)CecoslovacchiaCanadaDüsseldorf, Dortmund e Monaco
1985Cecoslovacchia (6)CanadaURSSPraga
1986URSS (20)SveziaCanadaMosca
1987Svezia (4)URSSCecoslovacchiaVienna
1989URSS (21)CanadaCecoslovacchiaStoccolma e Södertälje
1990URSS (22)SveziaCecoslovacchiaBerna e Friburgo
1991Svezia (5)CanadaURSSTurku, Helsinki e Tampere
1992Svezia (6)FinlandiaCecoslovacchiaPraga e Bratislava
1993Russia (1/23)SveziaRep. CecaDortmund e Monaco di Baviera
1994Canada (20)FinlandiaSveziaBolzano, Canazei e Milano
1995Finlandia (1)SveziaCanadaStoccolma e Gävle
1996Rep. Ceca (1/7)CanadaStati UnitiVienna
1997Canada (21)SveziaRep. CecaHelsinki, Turku e Tampere
1998Svezia (7)FinlandiaRep. CecaZurigo e Basilea
1999Rep. Ceca (2/8)FinlandiaSveziaOslo, Lillehammer e Hamar
2000Rep. Ceca (3/9)SlovacchiaFinlandiaSan Pietroburgo
2001Rep. Ceca (4/10)FinlandiaSveziaColonia, Hannover e Norimberga
2002Slovacchia (1)RussiaSveziaGöteborg, Karlstad e Jönköping
2003Canada (22)SveziaSlovacchiaHelsinki, Tampere e Turku
2004Canada (23)SveziaStati UnitiPraga e Ostrava
2005Rep. Ceca (5/11)CanadaRussiaInnsbruck e Vienna
2006Svezia (8)Rep. CecaFinlandiaRiga
2007Canada (24)FinlandiaRussiaMosca e Mytišci
2008Russia (2/24)CanadaFinlandiaHalifax e Quebec City
2009Russia (3/25)CanadaSveziaKloten e Berna
2010Rep. Ceca (6/12)RussiaSveziaColonia, Mannheim e Gelsenkirchen
2011Finlandia (2)SveziaRep. CecaBratislava e Košice
2012Russia (4/26)SlovacchiaRep. CecaHelsinki e Stoccolma
2013Svezia (9)SvizzeraStati UnitiStoccolma e Helsinki
2014Russia (5/27)FinlandiaSveziaMinsk
2015Canada (25)RussiaStati UnitiPraga e Ostrava
2016Canada (26)FinlandiaRussiaMosca e San Pietroburgo
2017Colonia e Parigi
2018Copenaghen e Herning
2019Bratislava e Košice
2020Zurigo e Losanna

Legenda:

^ Il torneo di hockey su ghiaccio ai Giochi olimpici estivi venne considerato come Campionati mondiali.

* I tornei di hockey su ghiaccio ai Giochi olimpici invernali vennero considerati come Campionati mondiali.