Fotogallery: tutti i biglietti delle finalissime dei Mondiali di calcio

Arrivare a disputarsi il Mondiale di calcio è il sogno di ogni calciatore. Ancor più se la possibilità arriva davanti ai tuoi connazionali, il che ti renderebbe un eroe per sempre in caso di vittoria. Ma siccome tale opportunità capita ad un numero così ristretto di giocatori, forse sarebbe  più facile trovare un ago in pagliaio.

Allora possiamo diventare tifosi e voler assistere noi, come spettatori, allo spettacolo più grande del mondo. Ebbene, anche qui, facile non è, dato che, numeri  alla mano, gli impianti sedi delle finalissime raggiungono a stento gli 80.000 posti. Ed allora, mentre guardiamo in sequenza i tagliandi delle finora 20 edizioni disputate….e se qualcuno fosse stato presente ad una di esse, beh, forza, fatevi avanti nel dircelo…..moriremo d’invidia!!!

Olimpiadi: la Vittoria di Mennea sui 200 metri a Mosca 1980

Pietro Mennea fu la Freccia del Sud non a caso: primatista del mondo nei 200 metri piani, record stabilito alle Universiadi di Città del Messico 1979 con il tempo di 19′ 72″”, il barlettano seppe stabilire una vera e propria impresa nella finale delle Olimpiadi 1980, quando recuperò nella finale, sul rettilineo conclusivo, un distacco che pareva impossibile.

Se i Giochi Olimpici di Mosca 1980 erano privi del blocco occidentale, in primis gli atleti degli Stato Uniti d’America, per Mennea gli avversari erano di primissimo livello. E forse, l’eliminazione in semifinale nei 100 metri, seppe dargli quello stimolo nervoso in più che gli servi per rimontare e battere l’inglese Allan Wells. Terzo fu il giamaicano  Don Quarrie, campione in carica.

Riviviamo con il commento dell’indimenticabile Paolo Rosi l’impresa che l’uomo del Sud seppe regalare in una serata d’estate.

Albo d’Oro Tour de France

Il Tour de France è ritenuta giustamente, la corsa a tappe di ciclismo più importante al mondo, nonché anche la più ricca, dato il montepremi che assegna milioni di euro ogni volta che le strade francesi vengono attraversate dai corridori che prendono parte alla Grand Boucle.

Inoltre, disputandosi nel mese di luglio, coincidente con il periodo delle ferie per gran parte dei lavoratori transalpini, sono milioni i tifosi che affollano i bordi delle strade per veder sfrecciare o faticare i big del pedale.

E l’albo d’oro della corsa pare rivestire un carattere d’internazionalità, perchè sono tanti i paesi ad aver messo la propria bandiera al primo posto. A guidare la classifica sono i francesi, con 36 vittorie, poi Belgio con 18, in terza posizione la Spagna a 12, Italia a 10, Lussemburgo a 5; seguono Stati Uniti e Gran Bretagna a 3, poi Paesi Bassi e Svizzera a 2 e per finire Australia, Danimarca, Germania, e Irlanda con un successo a testa.

L’ultima vittoria di un ciclista belga risale al 1976 vinto da Lucien Van Impe, quella di un francese al 1985, quando Bernard Hinault si impose per la quinta e ultima volta. Da quel momento una serie di nuove nazioni ha scritto il proprio nome nell’albo d’oro: nel 1986 il primo statunitense, nel 1987 il primo irlandese, nel 1996 il primo danese e nel 1997 il primo tedesco. Nel 2011 si è imposto il primo australiano; nel 2012 e nel 2013 sono invece arrivate le prime vittorie di ciclisti britannici.

annoprimosecondoterzo
1903GARIN Maurice (Fra)POTHIER Lucien (Fra)AUGEREAU Fernand (Fra)
1904CORNET Henri (Fra)DORTIGNACQ Jean-Baptiste (Fra)CATTEAU Aloïs (Bel)
1905TROUSSELIER Louis (Fra)AUCOUTURIER Hyppolite (Fra)DORTIGNACQ Jean-Baptiste (Fra)
1906POTTIER René (Fra)PASSERIEU Georges (Fra)TROUSSELIER Louis (Fra)
1907PETIT-BRETON Lucien (Fra)GARRIGOU Gustave (Fra)GEORGET Emile (Fra)
1908PETIT-BRETON Lucien (Fra)FABER François (Lux)Passerieu Georges (Fra)
1909FABER François (Lux)GARRIGOU Gustave (Fra)ALAVOINE Jean (Fra)
1910LAPIZE Octave (Fra)FABER François (Lux)GARRIGOU Gustave (Fra)
1911GARRIGOU Gustave (Fra)DUBOC Paul (Fra)GEORGET Emile (Fra)
1912DEFRAYE Odile (Bel)CHRISTOPHE Eugène (Fra)GARRIGOU Gustave (Fra)
1913THYS Philippe (Bel)GARRIGOU Gustave (Fra)BUYSSE Marcel (Bel)
1914THYS Philippe (Bel)PELISSIER Henri (Fra)ALAVOINE Jean (Fra)
1919LAMBOT Firmin (Bel)ALAVOINE Jean (Fra)Christophe Eugène (Fra)
1920THYS Philippe (Bel)HEUSGHEM Hector (Bel)LAMBOT Firmin (Bel)
1921SCIEUR Léon (Bel)HEUSGHEM Hector (Bel)BARTHELEMY Honoré (Fra)
1922LAMBOT Firmin (Bel)ALAVOINE Jean (Fra)SELLIER Félix (Bel)
1923PELISSIER Henri (Fra)BOTTECCHIA Ottavio (Ita)BELLENGER Romain (Fra)
1924BOTTECCHIA Ottavio (Ita)FRANTZ Nicolas (Lux)BUYSSE Lucien (Bel)
1925BOTTECCHIA Ottavio (Ita)BUYSSE Lucien (Bel)AIMO Bartolomeo (Ita)
1926BUYSSE Lucien (Bel)FRANTZ Nicolas (Lux)AIMO Bartolomeo (Ita)
1927FRANTZ Nicolas (Lux)DEWAELE Maurice (Bel)VERVAECKE Lucien (Bel)
1928FRANTZ Nicolas (Lux)LEDUCQ André (Fra)DEWAELE Maurice (Bel)
1929DEWAELE Maurice (Bel)PANCERA Giuseppe (Ita)DEMUYSERE Jef (Bel)
1930LEDUCQ André (Fra)GUERRA Learco (Ita)MAGNE Antonin (Fra)
1931MAGNE Antonin (Fra)DEMUYSERE Jef (Bel)PESENTI Antonio (Ita)
1932LEDUCQ André (Fra)STOEPEL Kurt (Ger)CAMUSSO Francesco (Ita)
1933SPEICHER Georges (Fra)GUERRA Learco (Ita)MARTANO Giuseppe (Ita)
1934MAGNE Antonin (Fra)MARTANO Giuseppe (Ita)LAPEBIE Roger (Fra)
1935MAES Romain (Bel)MORELLI Ambrogio (Ita)VERVAECKE Félicien (Bel)
1936MAES Sylvère (Bel)MAGNE Antonin (Fra)VERVAECKE Félicien (Bel)
1937LAPEBIE Roger (Fra)VICINI Mario (Ita)AMBERG Leo (Sui)
1938BARTALI Gino (Ita)VERVAECKE Félicien (Bel)COSSON Victor (Fra)
1939MAES Sylvère (Bel)VIETTO René (Fra)VLAEMYNCK Lucien (Bel)
1947ROBIC Jean (Fra)FACHLEITNER Edouard (Fra)BRAMBILLA Pierre (Ita)
1948BARTALI Gino (Ita)SCHOTTE Brik (Bel)LAPEBIE Guy (Fra)
1949COPPI Fausto (Ita)BARTALI Gino (Ita)MARINELLI Jacques (Fra)
1950KUBLER Ferdi (Sui)OCKERS Stan (Bel)BOBET Louison (Fra)
1951KOBLET Hugo (Sui)GEMINIANI Raphaël (Fra)LAZARIDES Lucien (Fra)
1952COPPI Fausto (Ita)OCKERS Stan (Bel)RUIZ Bernardo (Spa)
1953BOBET Louison (Fra)MALLEJAC Jean (Fra)ASTRUA Giancarlo (Ita)
1954BOBET Louison (Fra)KUBLER Ferdi (Sui)SCHAER Fritz (Sui)
1955BOBET Louison (Fra)BRANKART Jean (Bel)GAUL Charly (Lux)
1956WALKOWIAK Roger (Fra)BAUVIN Gilbert (Fra)ADRIAENSENS Jan (Bel)
1957ANQUETIL Jacques (Fra)JANSSENS Marcel (Bel)CHRISTIAN Adolf (Aut)
1958GAUL Charly (Lux)FAVERO Vito (Ita)GEMINIANI Raphaël (Fra)
1959BAHAMONTES Federico (Spa)ANGLADE Henry (Fra)ANQUETIL Jacques (Fra)
1960NENCINI Gastone (Ita)BATTISTINI Graziano (Ita)ADRIAENSENS Jan (Bel)
1961ANQUETIL Jacques (Fra)CARLESI Guido (Ita)GAUL Charly (Lux)
1962ANQUETIL Jacques (Fra)PLANCKAERT Joseph (Bel)POULIDOR Raymond (Fra)
1963ANQUETIL Jacques (Fra)BAHAMONTES Federico (Spa)PEREZ-FRANCES José (Spa)
1964ANQUETIL Jacques (Fra)POULIDOR Raymond (Fra)BAHAMONTES Federico (Spa)
1965GIMONDI Felice (Ita)POULIDOR Raymond (Fra)MOTTA Gianni (Ita)
1966AIMAR Lucien (Fra)JANSSEN Jan (Ola)POULIDOR Raymond (Fra)
1967PINGEON Roger (Fra)JIMENEZ Julio (Spa)BALMAMION Franco (Ita)
1968JANSSEN Jan (Ola)VAN SPRINGEL Herman (Bel)BRACKE Ferdinand (Bel)
1969MERCKX Eddy (Bel)PINGEON Roger (Fra)POULIDOR Raymond (Fra)
1970MERCKX Eddy (Bel)ZOETEMELK Joop (Ola)PETTERSSON Gosta (Sue)
1971MERCKX Eddy (Bel)ZOETEMELK Joop (Ola)VAN IMPE Lucien (Bel)
1972MERCKX Eddy (Bel)GIMONDI Felice (Ita)POULIDOR Raymond (Fra)
1973OCANA Luis (Spa)THEVENET Bernard (Fra)FUENTE José-Manuel (Spa)
1974MERCKX Eddy (Bel)POULIDOR Raymond (Fra)LOPEZ-CARRIL Vicente (Spa)
1975THEVENET Bernard (Fra)MERCKX Eddy (Bel)VAN IMPE Lucien (Bel)
1976VAN IMPE Lucien (Bel)ZOETEMELK Joop (Ola)POULIDOR Raymond (Fra)
1977THEVENET Bernard (Fra)KUIPER Hennie (Ola)VAN IMPE Lucien (Bel)
1978HINAULT Bernard (Fra)ZOETEMELK Joop (Ola)AGOSTINHO Joaquim (Por)
1979HINAULT Bernard (Fra)ZOETEMELK Joop (Ola)AGOSTINHO Joaquim (Por)
1980ZOETEMELK Joop (Ola)KUIPER Hennie (Ola)MARTIN Raymond (Fra)
1981HINAULT Bernard (Fra)VAN IMPE Lucien (Bel)ALBAN Robert (Fra)
1982HINAULT Bernard (Fra)ZOETEMELK Joop (Hol)VAN DER VELDE Johan (Hol)
1983FIGNON Laurent (Fra)ARROYO Angel (Spa)WINNEN Peter (Hol)
1984FIGNON Laurent (Fra)HINAULT Bernard (Fra)LEMOND Greg (Usa)
1985HINAULT Bernard (Fra)LEMOND Greg (Usa)ROCHE Stephen (Irl)
1986LEMOND Greg (Usa)HINAULT Bernard (Fra)ZIMMERMANN Urs (Sui)
1987ROCHE Stephen (Irl)DELGADO Pedro (Spa)BERNARD Jean-François (Fra)
1988DELGADO Pedro (Spa)ROOKS Steven (Ola)PARRA Fabio (Col)
1989LEMOND Greg (Usa)FIGNON Laurent (Fra)DELGADO Pedro (Spa)
1990LEMOND Greg (Usa)CHIAPPUCCI Claudio (Ita)BREUKINK Erik (Hol)
1991INDURAIN Miguel (Spa)BUGNO Gianni (Ita)CHIAPPUCCI Claudio (Ita)
1992INDURAIN Miguel (Spa)CHIAPPUCCI Claudio (Ita)BUGNO Gianni (Ita)
1993INDURAIN Miguel (Spa)ROMINGER Tony (Sui)JASKULA Zenon (Pol)
1994INDURAIN Miguel (Spa)UGRUMOV Piotr (Rus)PANTANI Marco (Ita)
1995INDURAIN Miguel (Spa)ZULLE Alex (Sui)RIIS Bjarne (Dan)
1996RIIS Bjarne (Dan)*ULLRICH Jan (Ger)VIRENQUE Richard (Fra)
1997ULLRICH Jan (Ger)VIRENQUE Richard (Fra)PANTANI Marco (Ita)
1998PANTANI Marco (Ita)ULLRICH Jan (Ger)JULICH Bobby (Usa)
1999*ZULLE Alex (Sui)ESCARTIN Fernando (Spa) ****
2000*ULLRICH Jan (Ger)BELOKI Joseba (Spa)
2001*ULLRICH Jan (Ger)BELOKI Joseba (Spa)
2002*BELOKI Joseba (Spa)RUMSAS Raimundas (Lit)
2003*ULLRICH Jan (Ger)VINOKOUROV Alexandre (Kaz)
2004*KLODEN Andreas (Ger)BASSO Ivan (Ita)
2005*BASSO Ivan (Ita)ULLRICH Jan (Ger)
2006PEREIRO Oscar (Spa)**KLODEN Andreas (Ger)SASTRE CANDIL Carlos (Spa)
2007CONTADOR Alberto (Spa)EVANS Cadel (Aus)LEIPHEIMER Levy (Usa)
2008SASTRE CANDIL Carlos (Spa)EVANS Cadel (Aus)MENCHOV Denis (Rus)
2009CONTADOR Alberto (Spa)SCHLECK Andy (Lux)*
2010SCHLECK Andy (Lux)MENCHOV Denis (Rus)SANCHEZ Samuel (Spa)***
2011EVANS Cadel (Aus)SCHLECK Andy (Lux)SCHLECK Frank (Lux)
2012WIGGINS Bradley (Gbr)FROOME Chris (Gbr)NIBALI Vincenzo (Ita)
2013FROOME Chris (Gbr)QUINTANA Nairo (Col)RODRIGUEZ Joaquin (Spa)
2014NIBALI Vincenzo (Ita)PERAUD Jean Christophe (Fra)PINOT Thibaut (Fra)
2015FROOME Chris (Gbr)QUINTANA Nairo (Col)VALVERDE Alejandro (Spa)
2016FROOME Chris (Gbr)BADET Romain (Fra)QUINTANA Nairo (Col)
2017

Note

* : Nell’estate del 2006, in piena Operacion Puerto, Bjarne Riis ha confessato di aver vinto il Tour ricorrendo al doping
** : Landis squalificato perché risultato positivo ad un controllo antidoping
*** : Contador squalificato per positività al clenbuterolo
****: Armstrong squalificato a vita, cancellate le sue vittorie, il terzo posto del 2009 e i titoli non sono riassegnati

Rete di Pallavolo: quanto è alta, come è fatta, chi l’ha inventata

Arriva l’estate ed è tempo di beach-volley, anche per chi ha trascorso l’inverno a giocare a pallavolo al coperto. E può capitare che, pur “mangiando” palloni in palestra ogni  sera con duri allenamenti, ci troviamo spaesati quando vogliamo giocare con amici facendo passare un pallone sopra la rete.

Giusto, ma quanto è alta la rete da pallavolo?

Ebbene, ecco le misure per ogni sesso e categoria. La rete è alta 2,43 metri per le gare maschili e 2,24 metri per le gare femminili, misura internazionale e dunque immodificabile. Le categorie giovanili, ovviamente essendo nella fase dello sviluppo, prevedono delle eccezioni. Nella stagione 2016-17 erano così definite:

Maschile: Under 16 2,35 mt; Under 14 2,15 mt; Under 13 2,05 mt.

Femminile: Under 14 e Under 13 2,15 mt

Come si misura la rete di pallavolo

La misurazione deve essere effettuata nella parte centrale, dove l’altezza deve essere esatta, mentre in corrispondenza delle due linee laterali può variare in eccesso per un massimo di due centimetri in modo simmetrico. La rete si estende per 9,50-10 metri in lunghezza e un metro in altezza. Due bande bianche verticali, larghe 5 centimetri e alte 1 metro, sono fissate alla rete esattamente al di sopra di essa.

Due bande bianche verticali, larghe 5 centimetri e alte 1 metro, sono fissate alla rete esattamente al di sopra di ciascuna linea laterale. Esternamente alle bande vengono inserite le antenne (due aste in fibra di vetro di 1,80 m di altezza e 10 mm di diametro) verniciate a fasce alternate di due colori contrastanti, preferibilmente bianco e rosso; ogni antenna si estende 80 cm al di sopra della rete allo scopo di delimitare lo spazio di passaggio della palla. La maglia della rete deve essere invece un quadrato di 10 cm per lato.

Ed il Beach-Volley?

Sebbene la sabbia non costituisca affatto il terreno più elastico per praticare uno sport che prevede numerosi salti, le dimensioni della rete sono identiche a quelle della pallavolo indoor, ovvero 2,43 mt per gli uomini e 2,24 mt per le donne. A cambiare è invece il rettangolo di gioco che misura “solo” 16 x 8 mt, a differenza del volley classico che è dimensionato sugli ormai classici 18 x 9 metri.

Chi ha inventato la rete di pallavolo?

La risposta è assai semplice: il gioco della pallavolo, originalmente chiamato “mintonette,” venne inventato nel 1895 da William G. Morgan, appena quattro anni dopo la nascita del basket. I due sport infatti furono legati alla nascita per il fatto che lo stesso Morgan si laureò presso lo Springfield College di YMCA, dove conobbe James Naismith, “padre” della pallacanestro. Morgan pensò ad uno sport, da praticare al coperto, che potesse fondere in una sola disciplina basket, baseball, tennis, e pallamano.

E raccontò così la sua esperienza di “inventore” di sport: “Ero alla ricerca di un gioco appropriato, avevo in mente il tennis, ma occorrevano racchette, palline ed altro equipaggiamento adatto, così lo eliminai, ma non del tutto, dai miei pensieri. Allora alzai la rete all’altezza di 6 piedi e 6 pollici (1.98 metri) dal terreno, giusto sopra la testa di un uomo di medie dimensioni. Avevamo bisogno di un pallone, così prendemmo la camera d’aria della palla da basket, ma era troppo leggera e lenta. Passammo al pallone vero, ma era troppo pesante e troppo grande”.

Coppa Italia 2017-18: le date, le squadre partecipanti, formula

In archivio da qualche giorno la finale Juventus-Lazio, è già tempo di programmare la Coppa Italia 2017-18, edizione n° 71 della manifestazione. Terminato il massimo campionato ed in corso i play-off per definire le promozioni in Serie A ed in Serie B, il quadro delle partecipanti è pressoché definito. Di seguito l’elenco delle squadre che provengono dalla Serie D, ex Campionato Dilettanti che entreranno in gioco subito dal primo turno.

Vincitrici Serie D: Cuneo, Monza, Mestre, Ravenna, Gavorrano, Fermana, Arzachena, Bisceglie, Sicula Leonzio

Seconde Classificate Serie D: Varese, Ciliverghe Mazzano, Triestina, Imolese, Massese, Matelica, Nuova Monterosi, Trastevere, Rende

Il sorteggio per la definizione degli accoppiamenti avverrà a metà luglio.

Calendario della Coppa Italia 2017/18

Primo turno eliminatorio – domenica 30 luglio 2017
Secondo turno eliminatorio – domenica 6 agosto 2017
Terzo turno eliminatorio – sabato 12 agosto 2017
Quarto turno eliminatorio – mercoledì 29 novembre 2017
Ottavi di finale – mercoledì 13 dicembre 2017, mercoledì 20 dicembre 2017
Quarti di finale – mercoledì 27 dicembre 2017, mercoledì 3 gennaio 2018
Semifinali di andata – mercoledì 31 gennaio 2018
Semifinali di ritorno – mercoledì 28 febbraio 2018
Finale – domenica 27 maggio 2018 (data di riserva mercoledì 9 maggio 2018)

Formula della Coppa Italia 2017-18

Squadre che entrano in questo turno Squadre qualificate dal turno precedente
Primo turno eliminatorio
(36 squadre)
27 squadre di Lega Pro con numero 43-78
4 squadre retrocesse dalla Serie B 2015-2016
8 squadre dal girone A della Lega Pro 2015-2016 (dal 2º al 9º posto)
7 squadre dal girone B della Lega Pro 2015-2016 (dal 3º al 9º posto)
8 squadre dal girone C della Lega Pro 2015-2016 (dal 2º al 9º posto)
9 squadre di Serie D con numero 61-78
Seconde classificate di ogni girone del campionato di Serie D 2015-2016
Secondo turno eliminatorio
(40 squadre)
22 squadre di Serie B con numero 21-42
3 squadre retrocesse dalla Serie A 2015-2016
15 squadre dalla Serie B 2015-2016 (dal 5º al 18º posto + perdente play-off)
4 squadre promosse dalla Lega Pro 2015-2016
18 vincenti del primo turno eliminatorio
Terzo turno eliminatorio
(32 squadre)
12 squadre di Serie A con numero 9-20
9 squadre dalla Serie A 2015-2016 (dal 9º al 17º posto)
3 squadre promosse dalla Serie B 2015-2016
20 vincenti del secondo turno eliminatorio
Quarto turno
(16 squadre)
16 vincenti del terzo turno eliminatorio
Fase finale
(16 squadre)
8 squadre di Serie A con numero 1-8
8 squadre dalla Serie A 2015-2016 (dal 1º all’8º posto)
8 vincenti del quarto turno

Regolamento della Coppa Italia 2017-18

La competizione è interamente ad eliminazione diretta. Tutti i turni si svolgono in gara unica, con eventuali tempi supplementari e calci di rigore. Le semifinali saranno invece disputate con gare di andata e ritorno, col meccanismo delle coppe europee, ovvero in caso di pareggio dopo 180 minuti a passare il turno è la squadra che ha segnato il maggior numero complessivo di reti nelle due partite o, in caso di parità nelle reti complessive, il maggior numero di reti in trasferta; in caso di parità anche nei gol segnati fuori casa si procede con i tempi supplementari e in caso di ulteriore parità con i calci di rigore.

La vincitrice della manifestazione si garantirà l’accesso all’Europa League 2018-19.

Le frasi famose di Cristiano Ronaldo

Cristiano Ronaldo parla sicuramente coi fatti, più che con le parole. E poi, se per gli appassionati di calcio è più importante il fatturato (in campo), per le ragazze è sufficiente vederlo apparire in tv. Così le frasi che possono uscire dalla sua bocca, spesso non vengono nemmeno ascoltate e passano inosservate, tanto che pure la Domenica Sportiva, per la rubrica relativa ai migliori goals di giornata, ha preferito affidarsi al solo urlo che l’asso portoghese fa uscire di gioia dopo una delle sue innumerevoli realizzazioni.

Le frasi celebri di Cristiano Ronaldo, CR7

Ti diranno che sei finito, e proprio in quel momento tu allacciati gli scarpini, entra in campo e zittisci tutti.

La mia maestra mi diceva sempre di lasciar perdere il pallone, perchè il calcio non mi avrebbe mai dato da mangiare.

Non mi basta essere il migliore del Portogallo. Voglio essere il migliore di sempre e lavoro per esserlo. Poi dipende dall’opinione di ognuno: ma quando mi ritirerò, guarderò le statistiche e voglio vedere se sono tra i più forti di sempre. Ci sarò di sicuro.

Se pensi di essere già perfetto, non lo sarai mai!

Il calcio, è solo uno sport, il più bello però.

Rosicano? Bene, vuol dire che sono davvero bravo.

Non voglio solo segnare, voglio anche regalare spettacolo.

Sia nel campo dove mi alleno, sia al Bernabeu dai il 101% di te stesso!

E’ un orgoglio avere il numero 7, sopratutto se prima ce l’aveva uno come Raul!

Alessandro (Del Piero) sei stato il mio modello, il campione che ho sempre ammirato e al quale ho fatto riferimento.

L’unico modo per eliminare la paura è affrontarla.

[Su Francesco Totti] È impressionante, è un riferimento per tutti e dimostra che l’età nel calcio non è importante. Se sta bene deve continuare, è un bene per i bambini e per tutti la sua presenza e dimostra che nel calcio non ci sono limiti.[2]

Puoi avere tutta la bravura che vuoi, ma se non ti alleni sempre duramente, non vai da nessuna parte.

Le scarpette rendono più elegante il giocatore, ma solo quello che c’è dentro lo rende più forte.

Qualsiasi cosa tu faccia falla con stile.

Voglio essere ricordato come un grande giocatore di calcio e non come un bel ragazzo.

Fin da ragazzo i miei sogni erano 3, giocare nel Manchester United, nel Real Madrid ed essere capitano del Portogallo… non c’è niente di più bello che realizzare i propri sogni ed io ci sono riuscito a soli 25 anni.

Cinque cose che non sai di Tom Dumoulin

Che Tom Dumoulin abbia trionfato nel Giro d’Italia numero 100 è già passato alle cronache. E se l’aneddoto più recente, la crisi di stomaco che lo ha costretto ai box “forzati” in piena corsa, oggi può portare l’olandese a farsi una grassa risata, sono diverse le curiosità da scoprire sul ciclista che potrebbe diventare uno dei prossimi dominatori dello sport delle due ruote.

Per esempio, i famosi gels da bere e di pronta assimilazione, che forse sono stati ingeriti con troppa avidità, vengono collocati nella tasca posteriore centrale o a destra in quanto il buon Tom fa parecchia fatica a piegare il braccio per raggiungere la parte posteriore sinistra della schiena.

Diventato professionista nel 2011, ecco cinque-fatti-cinque di Tom Dumoulin poco noti al grande pubblico.

1) città d’origine e famiglia
Dumoulin arriva da Maastricht, nella provincia del Limburgo, nel sud dell’Olanda. Suo padre è a capo del dipartimento presso la clinica universitaria cittadina mentre sua madre lavora presso gli uffici comunali. I genitori lo hanno sempre incoraggiato nella pratica sportiva e non hanno contrastato la scelta del professionismo, sebbene non abbiano mai gareggiato o mostrato in passato interesse particolare per il ciclismo.

2) il soprannome, la farfalla di Maastricht
Butterfly, la farfalla, o per dirla in olandese de Vlinder van Maastricht, sebbene Tom non gradisca affatto essere chiamato in questo modo. L’appellativo è dovuto alla grazia ed allo stile che mostra in sella alle due ruote.

3) il talento per il ciclismo

Dumoulin ha iniziato a gareggiare in bici soltanto a 15 anni, il suo sport preferito era infatti il calcio. Entrato nel mondo del professionismo nel 2011, gran parte dei suoi migliori risultati erano stati finora nelle corse contro il tempo. Campione nazionale nel 2014, successo bissato nel 2016, ha conquistato il bronzo nella cronometro valida per il Mondiale nel 2014, dietro Bradley Wiggins  e Tony Martin. Tra gli altri successi, due vittorie nel Giro di Svizzera 2015, altrettante alla Vuelta 2015 (una in linea), al Giro 2015 (prologo) e due tappe al Tour de France 2016. Ha inoltre conquistato la medaglia d’argento a Rio 2016 nella crono.

4) scrive sempre un messaggio alla sua fidanzata prima della corsa
Ha come rituale pre-gara quello di mandare un messaggio tramite cellulare alla fidanzata, Thanee Van Hulst, prima di iniziare la ruotine: “Ritengo che sia importante che sappia come mi sento e che mi mandi il suo bocca al lupo. Spesso aspetto che mi risponda. E se la risposta non arriva immediatamente, ricontrollo il telefono prima di partire. Se non le mando un messaggio, la mia prestazione non sarà per forza di cose pessima, ma trovo la cosa molto carina, leggere quello che mi scrive”, ha confidato ai media.

5) crede nella psicologia applicata allo sport
Tom Dumoulin crede  fermamente nell’aiuto della psicologia. Nel maggio 2015, prima del Tour de France, dichiarò al quotidiano del Limburgo che tendeva ad avere pensieri negativi prima di una gara a cronometro. Ed aggiunse che se prima non avrebbe mai pensato di chiedere aiuto in materia,  con l’aumento delle responsabilità, ha cambiato idea. Ed aggiunse che  “La mia ragazza è psicologa e sta cercando uno specialista in materia con il quale possa confrontarmi”.